Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
Bacheca cerco/offro
14 Set 2020

Cerco persone per progetto di ecovicinato e nuovo ecovillaggio

Scritto da: mauro
Cerco persone per progetto di ecovicinato e nuovo ecovillaggio

Ciao a tutti! Si inizia!

Chi siamo? Dove viviamo? Cosa vogliamo fare?
Siamo papà Mauro (34 anni), mamma Pamela (33 anni) e la piccola Anna Corallo (2 anni). Abitiamo nella città di Sanremo e abbiamo una campagna di 16.000mq in zona semicentrale (15min dal centro) con vista mozzafiato e moltissime potenzialità. Cerchiamo altre famiglie/persone per creare un gruppo affiatato per realizzare un progetto di ecovicinato che possa poi diventare un ecovillaggio.

Ma quindi cosa si fa? Come si campa?
Attualmente l’azienda gestita da papà Mauro sta lavorando attraverso il ramo del floricolo e ci sono già diversi progetti attuabili (dal floricolo all’olistico) che aspettano solo le braccia giuste per essere realizzati.

Dove abiteremo tutti?
Attualmente il piano regolatore per edificare è bloccato quindi la cosa migliore sarebbe lavorare tutti assieme nella campagna e abitare ognuno a casa propria (nelle vicinanze si trovano diverse abitazioni in affitto).
L’obiettivo finale sarà quello (per chi vorrà) di creare un ecovillaggio nella campagna o/e nelle campagne confinanti che sono quasi tutte incolte.
(Vi anticipo che la regione Liguria sta comunque rilasciando i permessi di costruzione per gli ecovillaggi a chi presenta domanda in regione quindi se raccogliessimo abbastanza fondi il progetto potrebbe essere realizzato sin da subito).

Come funziona? Devo pagare?
In questo momento non abbiamo ancora scelto una strada tra le diverse possibili. Crediamo che la prima cosa da fare sia conoscerci e poi scegliere una via insieme sostenuti dalla facilitatrice Melania (che garantirà stabilità ai rapporti sociali del gruppo). Papà Mauro comunque preferirebbe creare una società con quote uguali per tutti (per garantire l’equità decisionale a tutti e la equa spartizione degli utili), ma non escludiamo la possibilità di avere “soci di capitale e soci lavoranti” (come accade ad esempio nei GAT) oppure “soci senza quote”. Questo è il sunto della bozza iniziale, se siete interessati ad avere informazioni più dettagliate e tecniche e/o ad aiutarci a rendere tutto reale non esitate a contattarci!

Vi lasciamo la nostra mail: costruiamolo.insieme@libero.it

A presto!
Mauro, Pamela & Anna Corallo

Lascia un commento pubblico

Per poter visualizzare più dettagli e contattare l'utente devi prima effettuare l'accesso o registrarti

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Assorbenti gratis e un tetto per tutti – Io Non Mi Rassegno #261

|

Giorgio, l’artista della valle che ha ridato vita a un borgo di montagna

|

Felcerossa, la casa di paglia dove si sperimenta il vivere sostenibile in autosufficienza – Io faccio così #308

|

Come potrebbero diventare l’Italia e il mondo dopo la pandemia?

|

Darinka Montico: “Ho realizzato il mio sogno, viaggio per il mondo e vivo libera”

|

I volontari combattono il virus portando divertimento ai giovani con disabilità

|

L’isola di Poveglia sarà mai “per Tutti”?

|

Il Grande&GrossoMisterD