La mappa dell'Italia che Cambia

ZdiZappa

ZdiZappa

Zdizappa è un gruppo di persone che si è costituito spontaneamente e che ha sentito il piacere e il desiderio di unirsi nel progetto di un orto/giardino condiviso.

Nasce con il desiderio di realizzare in città dei luoghi in cui poter coltivare frutta e verdura, orti-giardino o semplici aiuole utilizzando sistemi naturali, senza l’uso di prodotti chimici. Il tutto attraverso un’iniziativa aperta alla partecipazione condivisa e alla sperimentazione delle diverse tecniche colturali. È amministrata con il metodo del consenso e rappresenta uno spazio dove è possibile lo scambio tra persone di età, provenienze e culture diverse.

La cura collettiva degli spazi parte dalla progettazione delle aree verdi urbane attraverso il coinvolgimento sia dei residenti che dell’Amministrazione. L’obiettivo è il “fare insieme” seguendo il principio del riuso laddove possibile.

ZdiZappa si incontra regolarmente presso la Casa del Quartiere Donatello di Cuneo. Il lavoro in campo è stagionale: in primavera estate lavora nel verde, mentre nel periodo invernale programma gli interventi che verranno.

Ultimo aggiornamento del 12 Novembre 2020

Contatta la realtà

Indirizzo

Sito

Email

Telefono

Facebook

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci