17 Feb 2021

Il nuovo governo alla prova Ilva – Io Non Mi Rassegno #312

Nel giorno della fiducia al governo Draghi, parliamo di uno dei primi banchi di prova in cui l’esecutivo avrà modo di dimostrare se ha intenzioni serie in campo di transizione ecologica: la delicata questione dell’ex Ilva di Taranto. Intanto nei Paesi Bassi il coprifuoco nazionale diventa oggetti di ricorsi e controricorsi fra vari tribunali olandesi. Prima sospeso da una sentenza dell’Aia, poi riattivato dalla Corte d’appello. In Myanmar è iniziato in gran segreto il processo (talmente in segreto che nemmeno il suo avvocato lo sapeva) alla leader Aung San Suu Kyi, accusata di importazione illegale di sei walkie tolkie e di aver infranto la legge sulle catastrofi naturali per aver avuto contatti con altre persone durante la pandemia. Di processo in processo, a Hong Kong è iniziato quello agli oppositori del governo cinese che si sono opposti alla legge sulla sicurezza nazionale.

Articoli:

#ex Ilva
Wired – La gestione dell’ex Ilva dimostrerà quanto davvero è “ambientalista” il governo Draghi
Ansa – Ex Ilva, appello di Confindustria: ‘Non chiudere l’area a caldo’

#Myanmar
il Post – In Myanmar è iniziato il processo ad Aung San Suu Kyi, ma il suo avvocato non era stato avvisato
Euronews – Myanmar, la giunta militare: “Non è un colpo di stato”. Protestano anche i monaci buddisti

#Hong Kong
il Post – A Hong Kong sono iniziati i processi a nove importanti attivisti del movimento per la democrazia

#Paesi Bassi #coprifuoco
Euronews – Battaglia legale sul decreto del coprifuoco in Olanda

#governo Draghi
Internazionale – Le conseguenze incalcolabili del governo Draghi sui partiti
Valigia Blu – Il Ministero della transizione ecologica: un problema (iper)politico per il governo Draghi

#permafrost
Greenreport – Gas serra: il pericolo ignorato del permafrost sottomarino

#esoscheletri
il Post – Gli esoscheletri iniziano a essere tra noi

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Il Cile è pronto a rivoluzionare la costituzione! – Io Non Mi Rassegno #371

|

Ossa forti e in buona salute per tutta la vita

|

Fondo Forestale Italiano: compriamo boschi per salvarli dall’abbattimento

|

La ‘ndrangheta non è un alibi, la Calabria può cambiare

|

Jonida Xherri e la sua arte partecipata che unisce i popoli

|

Il ciclo mestruale e il ciclo della vita. Un miracolo che si ripete ogni mese – Amore Che Cambia #5

|

Ammàno: “Torno in Calabria per fare il contadino”

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile