Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Mag 2020

Recovery fund: fregatura o opportunità? – Io Non Mi Rassegno #147

Ieri la Commissione europea ha presentato al parlamento la proposta di Recovery fund: 750 miliardi di euro di cui 500 in finanziamenti a fondo perduto per far ripartire l’economia in chiave “green”. Analizziamo la proposta per capire le potenzialità e le criticità in essa contenute. Parliamo anche del lancio rimandato della navicella Crew Dragon di Space X e del rischio di click day per il bonus bici (e di come questa sia una perfetta metafora della cosiddetta “tragedia dei beni comuni”).

Articoli:

#recovery fund
Il Sole 24 Ore – Piano Von der Leyen: Recovery Fund da 750 miliardi di cui 500 a fondo perduto. Per l’Italia previsti 82 miliardi di aiuti e 91 di crediti
Rinnovabili.it – UE: arriva il mega-programma di stimolo della Commissione Europea
Greenreport – Next Generation EU: 750 miliardi per un recovery plan europeo sostenibile, omogeneo, inclusivo ed equo
WWF – Il Recovery fund non è ancora completamente equo e green

#Space X #rinviato
il Post – SpaceX ha rinviato il suo primo lancio con astronauti

#bonus bici
GreenMe – Bonus bici, verso il click day: i soldi (e le bici) non basteranno per tutti

#razzismo #Usa
Internazionale – La morte di George Floyd riaccende il dibattito sul razzismo
il Post – “Non riesco a respirare”

#Libia
Internazionale – Washington denuncia la presenza di aerei russi nella guerra libica

#Francia #auto elettriche
Nuova Ecologia – Francia, 8 miliardi per il settore delle auto elettriche

#rifiuti
GreenReport – L’Italia non è autosufficiente nella gestione rifiuti. Utilitalia: «Paese esposto a crisi periodiche»
GreenReport – Crescono i rifiuti speciali prodotti in Italia, mentre calano gli impianti per gestirli

#estinzioni
Greenreport – Le attività umane stanno mettendo a rischio miliardi di anni di storia evolutiva

#Black Rock #Exxon
The Guardian – BlackRock to flag climate concerns at ExxonMobil AGM

#turismo
The Guardian – ‘Things have to change’: tourism businesses look to a greener future

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace


Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

La realtà del virus e gli ex Farc a protezione della biodiversità – Io Non Mi Rassegno #178

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”

|

Pensa 2040: “Costruiamo una rete di buone pratiche contro le mafie”