8 Gen 2013

Cambio io, cambi tu. Ma chi siamo veramente?

Scritto da: Daniel Tarozzi

DAL MIO BLOG SUL FATTO QUOTIDIANO Sono a metà del viaggio. Sono partito i primi di settembre per andare ad […]

DAL MIO BLOG SUL FATTO QUOTIDIANO
Sono a metà del viaggio. Sono partito i primi di settembre per andare ad esplorare l’Italia che cambia, girando su e giù con un camper e ho incontrato decine di persone che dimostrano concretamente ed ogni giorno che si può vivere, lavorare, fare politica, imprenditoria, formazione, in modo migliore, in equilibrio con gli altri, nel rispetto del pianeta che ci ospita.
Vi ho raccontato alcune di quelle esperienze e molte altre le riporterò su questo blog nei prossimi mesi e poi nel libro che mi accingo a scrivere. Il cuore di tutto, però, credo sia ritrovare il senso, il  senso autentico, del vivere e dell’esistere. Serge Latouche parla di decolonizzare l’immaginario, Enrico Manicardi di liberarci dalla civiltà, ma molti altri autori, sociologi, antropologi e psicologi cercano da anni di spiegarci come i bisogni siano indotti, i desideri spesso anche, la sessualità influenzata dai media, il ruolo della donna anche. E così via.
CONTINUA

Articoli simili
Ho Ho Ha Ha Ha: al via il terzo congresso nazionale dello Yoga della Risata

Una società malata di morte non può amare la Vita

Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!
Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

L’Overshoot Day 2022 italiano è già arrivato – #521

|

Le persone piccole: come crescono i bambini e le bambine nella comunità educante di un ecovillaggio

|

Apre il Covo degli Orsi, la nuova “casa rossa” per i genitori dei pazienti del Gaslini

|

“Dal lato all’altro della finestra di una RSA, il telefono ci unisce”

|

Guerra in Ucraina: come viene raccontata e percepita in Russia?

|

I(n)spira-Azioni racconta gli effetti dei cambiamenti climatici con Luca Barani e The Climate Route – #6

|

Alice In The Lab: le creazioni etiche di una giovane che ha scelto di vivere in modo ecologico

|

Una Mappatura Collettiva per trasformare i luoghi abbandonati della città in beni comuni