23 Mar 2013

L'Italia che Cambia e i mass media: resoconto degli ultimi appuntamenti

Scritto da: Daniel Tarozzi

La scorsa settimana, nel giro di due giorni, mi sono trovato in diretta su Radio 1, Ecoradio e Rai Tre. […]

La scorsa settimana, nel giro di due giorni, mi sono trovato in diretta su Radio 1, Ecoradio e Rai Tre. Partiamo dalla televisione. Mentre mi trovato in Puglia, nei pressi di un ecovillaggio, il Giardino della Gioia, ci ha raggiunto Emilia Brandi di Brontolo (il programma di Oliviero Beha) e ha realizzato una breve intervista mandata in onda lunedì 18 marzo. Trovate il servizio al minuto 40 del video presente cliccando su questo link. La sera di lunedì Ecoradio mi ha intervistato in diretta. Una lunga chiacchierata che, per una volta, mi ha permesso di esperimere qualche concetto di senso compiuto. Grazie!
IMG_9094
Infine, martedì 19, sono stato chiamato a partecipare ad un “dibattito” su Radio Uno. Il dibattito verteva sul Sud Italia e sulla crisi. Molti gli ospiti in diretta telefonica. Ho ascoltato 40 minuti gli eminenti ospiti e mi è stato “concesso di parlare” per pochi secondi e per di più con interruzioni continue. Non sono riuscito a dire praticamente nulla. Gli altri intereventi erano tutti a senso unico: quel povero sud Italia, abbandonato dalla aziende e bisognoso di aiuto, i poveri meridionali dispersi, la crescita che deve ripartire.

Perché mi telefonano e mi tengono in diretta senza farmi parlare? Come ho potuto pensare che Radio Uno mi permettesse di argomentare un discorso che, se espresso, sarebbe andato a minare molti dei luoghi comuni su cui si regge l’informazione e più in generale il potere? Sono stanco di essere umiliato, stanco di non essere rappresentato come cittadino, stanco di questa Italia che non cambia, asserragliata nei mass media prima ancora che in Parlamento.
Io so che esiste un altro Paese. L’ho incontrato ogni giorno in questi sei mesi. Prima o poi dovranno ascoltarvi, dovranno ascoltarci. E capiranno finalmente che il mondo che narrano non esiste più.
Mi raccomando, non prendete questo post come una lamentela. Non perdiamo tempo a lamentarci, siamo troppo impegnati a vivere!!!

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Articoli simili
Cinque anni dopo… Un nuovo giro di boa!

Se non ti interessa questo articolo, non ti interessa l'Italia che Cambia

In viaggio, sono sempre in viaggio!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici