Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
25 Ott 2013

Variazioni Ritmiche

Scritto da: Daniel Tarozzi

Qualche giorno fa ho accettato l’invito di “Oltre la penna“, testata on line sul mondo editoriale, e ho pubblicato presso […]

trenitalia_4Qualche giorno fa ho accettato l’invito di “Oltre la penna“, testata on line sul mondo editoriale, e ho pubblicato presso di loro questo mio “scritto” sul tempo, gli spostamenti, il viaggio, il senso del sè, del noi, dell’oggi e del domani.
Lo riporto qui sotto e a seguire sul loro blog.
La vita è tutta una questione di variazioni ritmiche.

Ci sono giorni in cui il tuo corpo suona una batteria jazz, giorni in cui accenna una ritmica blues, giorni in cui si scatena in un assolo rock, giorni in cui batte un unico, fondamentale colpo, un po’ come i piatti di un’orchestra.
Oggi mi sono svegliato seduto in un treno, un treno italiano. Un treno con picchi di calore e di freddo. Un treno mezzo vuoto e mezzo pieno, come il famigerato bicchiere. Un treno sporco, ma anche no.
Mi sono svegliato su questo treno mentre tutti gli altri dormivano. Fuori dal finestrino scorreva un ampio e suadente paesaggio. Completamente nero. Nere le gallerie, nero il mondo accovacciato sotto le coperte di una notte senza luna. Nere le luci della città, per una volta, fortunatamente, silenti.
Mi sono svegliato qui, su questo vagone, su questo treno e mi sono reso conto di essere preda di variazioni ritmiche.
È solo questione di ritmo, bellezza!
Mentre il treno va, il ritmo è costante, il cuore si sintonizza con i binari, il sonno sale, le palpebre scendono. Poi una stazione, un attimo di fermo. Un vuoto nel rumore, un fragoroso silenzio. Ed ecco che il cuore accelera, le palpebre si alzano, i sensi si allertano. Un vero controtempo!
Ora il treno è ripartito e con esso le mie elucubrazioni. Non so perché oggi voglio parlarvi delle variazioni ritmiche, ma sento che è fondamentale…
CONTINUA

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo strano caso dei cereali al cipollotto (e altre storie) – Io Non Mi Rassegno #179

|

L’Italia contadina si ribella alle monocolture delle multinazionali

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”