26 Mar 2015

Arvaia vince il bando: 45 ettari per la cooperativa dei cittadini

Vi ricordate di Arvaia, la cooperativa agricola bolognese fondata dai cittadini e portata avanti direttamente da loro secondo il modello […]

Vi ricordate di Arvaia, la cooperativa agricola bolognese fondata dai cittadini e portata avanti direttamente da loro secondo il modello della Community Supported Agricolture, l’agricoltura supportata dalla comunità? Quando abbiamo incontrato Cecilia, una delle socie fondatrici, l’iniziativa era stata avviata da circa un anno, aveva già coinvolto più di 200 persone e stava crescendo a vista d’occhio.

 

Bene, proprio ieri, mercoledì 25 marzo, questo progetto ha avuto un ulteriore, importantissimo riconoscimento. Si è infatti tenuta presso il Comune di Bologna la seduta pubblica relativa alla procedura di affidamento in concessione/locazione dei terreni del comprensorio di Villa Bernaroli, un parco città-campagna dotato di 45 ettari di terreni agricoli progettato per preservare un tratto di territorio rurale e agricolo di pregio nella pianura ovest di Bologna.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Arvaia è stata l’unica associazione partecipante ad aver conseguito, in fase di istruttoria, un punteggio sufficiente per accedere all’apertura delle buste e ha conseguito un punteggio finale di 93/100, aggiudicandosi la gara. Questo vuol dire che fra 15 giorni – il tempo necessario per le verifiche documentali e la comunicazione formale – alla cooperativa verranno affidati a titolo oneroso per i prossimi 25 anni tutti i terreni dell’area, di cui adesso occupa come affittuario solo una piccola parte.

 

È una grande notizia, non solo perché viene riconosciuto l’ottimo lavoro svolto dai cittadini in questi due anni di attività, non solo perché l’interlocutore è un soggetto importante come il Comune, non solo perché la comunità che a porta avanti iniziative di sostenibilità e innovazione a Bologna avrà molto più spazio a disposizione, ma anche perché è una testimonianza concreta del fatto che la direzione è quella giusta e la strada intrapresa porta senza indugi verso il vero cambiamento.

 

arvaia

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Agroecologia e agrobusiness: in che direzione stiamo andando?
Agroecologia e agrobusiness: in che direzione stiamo andando?

“E se aprissimo un’azienda biologica e responsabile in Sicilia?”. Dal sogno di quattro amici nasce Sanapu
“E se aprissimo un’azienda biologica e responsabile in Sicilia?”. Dal sogno di quattro amici nasce Sanapu

Alla Casa delle Sementi la resistenza è contadina
Alla Casa delle Sementi la resistenza è contadina

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi