Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
26 Mar 2015

Arvaia vince il bando: 45 ettari per la cooperativa dei cittadini

Vi ricordate di Arvaia, la cooperativa agricola bolognese fondata dai cittadini e portata avanti direttamente da loro secondo il modello della Community Supported Agricolture, l’agricoltura supportata dalla comunità? Quando abbiamo incontrato Cecilia, una delle socie fondatrici, l’iniziativa era stata avviata da circa un anno, aveva già coinvolto più di 200 persone e stava crescendo a […]

Vi ricordate di Arvaia, la cooperativa agricola bolognese fondata dai cittadini e portata avanti direttamente da loro secondo il modello della Community Supported Agricolture, l’agricoltura supportata dalla comunità? Quando abbiamo incontrato Cecilia, una delle socie fondatrici, l’iniziativa era stata avviata da circa un anno, aveva già coinvolto più di 200 persone e stava crescendo a vista d’occhio.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Bene, proprio ieri, mercoledì 25 marzo, questo progetto ha avuto un ulteriore, importantissimo riconoscimento. Si è infatti tenuta presso il Comune di Bologna la seduta pubblica relativa alla procedura di affidamento in concessione/locazione dei terreni del comprensorio di Villa Bernaroli, un parco città-campagna dotato di 45 ettari di terreni agricoli progettato per preservare un tratto di territorio rurale e agricolo di pregio nella pianura ovest di Bologna.

 

Arvaia è stata l’unica associazione partecipante ad aver conseguito, in fase di istruttoria, un punteggio sufficiente per accedere all’apertura delle buste e ha conseguito un punteggio finale di 93/100, aggiudicandosi la gara. Questo vuol dire che fra 15 giorni – il tempo necessario per le verifiche documentali e la comunicazione formale – alla cooperativa verranno affidati a titolo oneroso per i prossimi 25 anni tutti i terreni dell’area, di cui adesso occupa come affittuario solo una piccola parte.

 

È una grande notizia, non solo perché viene riconosciuto l’ottimo lavoro svolto dai cittadini in questi due anni di attività, non solo perché l’interlocutore è un soggetto importante come il Comune, non solo perché la comunità che a porta avanti iniziative di sostenibilità e innovazione a Bologna avrà molto più spazio a disposizione, ma anche perché è una testimonianza concreta del fatto che la direzione è quella giusta e la strada intrapresa porta senza indugi verso il vero cambiamento.

 

arvaia

 

 

 

#IoNonMiRassegno 17/2/2020

|

Arredi ecologici per le città: l’efficienza energetica cambia gli spazi urbani

|

Imparare facendo nella Libera Università del Bosco

|

Un tour musicale in bicicletta dall’Inghilterra alle Marche

|

Giovani ed economia circolare: la rivoluzione dell’impresa parte da qui

|

La storia di Fabio: “Giro il mondo in bici per combattere la sclerosi multipla”

|

Bar papà, la community di padri che si raccontano e supportano

|

Un centro ecologico e olistico immerso nella natura della Calabria

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.