31 Mar 2015

Rifiuti radioattivi: la mobilitazione contro il deposito nazionale

Scritto da: Redazione

Un unico deposito nazionale per ospitare le scorie nucleari in Italia. È questo il progetto in realizzazione per sistemare i […]


Un unico deposito nazionale per ospitare le scorie nucleari in Italia. È questo il progetto in realizzazione per sistemare i circa novanta mila metri cubi di rifiuti radioattivi esistenti nel nostro Paese, oggi collocati in depositi temporanei e non sicuri. Ancora non è stata resa pubblica la regione che ospiterà il deposito nazionale, ma sin da subito cittadini e comitati si sono mobilitati per capire l’entità di questo progetto e l’eventuale impatto sull’area dove dovrebbe essere realizzato.

 55589

 

“Ad oggi ancora non ci è chiara quale sia la classificazione di questi rifiuti radioattivi” spiega Pasquale Stigliano, di Scanziamo le scorie “come facciamo allora a capire come dovrà essere fatto questo deposito?”. L’Ispra risponde spiegando che il deposito ospiterà i rifiuti a bassa e media attività, con un tempo di smaltimento cioè di circa trecento anni, mentre per i rifiuti ad alta attività (con un tempo di smaltimento molto più lungo) ancora non è stata individuata una soluzione.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

 

 

Il deposito nazionale nucleare sarà gestito dalla Sogin SPA, società del Ministero del Tesoro che dal 1999 ha il compito di curare la messa in sicurezza di tutti gli ex impianti di energia nucleare in Italia. Il 30 marzo a Roma un Convegno dal titolo “Il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi: a che punto siamo?” ha fotografato lo stato dell’arte dell’iter procedurale. “Ad oggi l’Ispra ha verificato la lista stilata dalla Sogin delle possibili aree che potrebbero ospitare il deposito  e l’ha trasmessa al Ministero” spiega Massimo Scalia, del Centro interuniversitario di ricerca per lo sviluppo, tra i relatori del convegno “ora il Ministero dovrà rendere pubblica la mappa dei siti.

 

Dalla pubblicazione in poi decorreranno sessanta giorni per fare osservazioni, e noi non mancheremo di farne”. Le associazioni ambientaliste soprattutto denunciano la mancanza di un piano B. “In mancanza di una localizzazione condivisa con la popolazione cosa accadrà?” si domanda Greenpeace Italia.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'energia in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La vera transizione ecologica avanza: nasce la comunità energetica di Santeramo in Colle
La vera transizione ecologica avanza: nasce la comunità energetica di Santeramo in Colle

Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?
Decarbonizzare è un’esigenza immediata: quali soluzioni in Piemonte?

La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia
La comunità energetica di Caltanissetta apripista della transizione ecologica in Sicilia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi