27 Apr 2015

Facebook: vietato promuovere la violenza sugli animali

Scritto da: Marco Fossi

Il mondo è pieno di buone notizie, ma siccome una buona notizia fa vendere meno di una cattiva notizia, giornali […]

Non è vero che va tutto storto!

Non è vero che va tutto storto!


Il mondo è pieno di buone notizie, ma siccome una buona notizia fa vendere meno di una cattiva notizia, giornali e siti le raccontano di meno.

 

Eppure, in secoli di narrativa tradizionale, dai racconti attorno al fuoco fino a quella tecnologicamente avanzata della televisione e dei social network, da sempre oltre a sciagure, tragedie e drammi, il filone delle storie a lieto fine ha sempre avuto un ruolo narrativo sociale, storico e psicologico.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Non ci mettiamo qui a fare la storia dei lieti fini nella letteratura mondiale negli ultimi secoli, anche se sarebbe interessante osservare cosa viene considerato lieto nelle varie epoche e nelle varie culture.

 

Invece, osserviamo che esistono buone notizie persino nei posti dove uno meno se lo aspetta, cioè i social network. I social sono un posto dove si può tirare un sasso e nascondere la mano, spettegolezzare sul prossimo, o avviare esercizi di vera cattiveria professionale con la speranza di farla franca – anche se l’impunità social è sempre più fragile e i commenti diffamatori vengono sempre più perseguiti.

 

NBS-facebook-cat-450Ecco perché la buona notizia di questa settimana è che Facebook, prototipo di tutti social globali, ha introdotto nelle sue linee guida  come proibita la violenza sugli animali. Finora era considerata una attività dannosa e criminale usare Facebook al fine di generare violenza su persone, aziende o attività. Ora si sono aggiunti gli animali.

 

Forse per qualcuno potrà risultare sorprendente che finora Facebook non ritenesse sanzionabile postare un contenuto in cui si invitava a far del male ad un animale.

 

Ma non è mai troppo tardi, e siccome questa rubrica è dedicata alla buone notizie, pensiamo che questa sensibilità sia un’ottima notizia. Rimane il vecchio dilemma dello zoofilo integralista: va bene non picchiare cani e gatti, ma come la mettiamo con gli hamburger? E con le scarpe di cuoio? E ancora peggio: come la mettiamo con le detestabili zanzare? Eppure, anche loro soffriranno quando vengono schiacciate. Ma intanto, il principio è posto: anche sui post, i nostri amici animali hanno una piccola tutela in più.

 

 

Articoli simili
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso

Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo
Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo

La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari
La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne