Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Apr 2015

Facebook: vietato promuovere la violenza sugli animali

Scritto da: Marco Fossi

Il mondo è pieno di buone notizie, ma siccome una buona notizia fa vendere meno di una cattiva notizia, giornali […]

Non è vero che va tutto storto!

Non è vero che va tutto storto!

Il mondo è pieno di buone notizie, ma siccome una buona notizia fa vendere meno di una cattiva notizia, giornali e siti le raccontano di meno.

 

Eppure, in secoli di narrativa tradizionale, dai racconti attorno al fuoco fino a quella tecnologicamente avanzata della televisione e dei social network, da sempre oltre a sciagure, tragedie e drammi, il filone delle storie a lieto fine ha sempre avuto un ruolo narrativo sociale, storico e psicologico.

 

Non ci mettiamo qui a fare la storia dei lieti fini nella letteratura mondiale negli ultimi secoli, anche se sarebbe interessante osservare cosa viene considerato lieto nelle varie epoche e nelle varie culture.

 

Invece, osserviamo che esistono buone notizie persino nei posti dove uno meno se lo aspetta, cioè i social network. I social sono un posto dove si può tirare un sasso e nascondere la mano, spettegolezzare sul prossimo, o avviare esercizi di vera cattiveria professionale con la speranza di farla franca – anche se l’impunità social è sempre più fragile e i commenti diffamatori vengono sempre più perseguiti.

 

NBS-facebook-cat-450Ecco perché la buona notizia di questa settimana è che Facebook, prototipo di tutti social globali, ha introdotto nelle sue linee guida  come proibita la violenza sugli animali. Finora era considerata una attività dannosa e criminale usare Facebook al fine di generare violenza su persone, aziende o attività. Ora si sono aggiunti gli animali.

 

Forse per qualcuno potrà risultare sorprendente che finora Facebook non ritenesse sanzionabile postare un contenuto in cui si invitava a far del male ad un animale.

 

Ma non è mai troppo tardi, e siccome questa rubrica è dedicata alla buone notizie, pensiamo che questa sensibilità sia un’ottima notizia. Rimane il vecchio dilemma dello zoofilo integralista: va bene non picchiare cani e gatti, ma come la mettiamo con gli hamburger? E con le scarpe di cuoio? E ancora peggio: come la mettiamo con le detestabili zanzare? Eppure, anche loro soffriranno quando vengono schiacciate. Ma intanto, il principio è posto: anche sui post, i nostri amici animali hanno una piccola tutela in più.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Esplosione a Beirut: i nuovi retroscena – Io Non Mi Rassegno #196

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti

|

Piccole scuole e piccoli comuni? Creiamo un’allenza educativa virtuosa

|

Come creare una società più equa e collaborativa nella ripresa post Covid-19?

|

Nocciola Italia: contadini e cittadini contro l’avanzata delle monoculture