Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
20 Apr 2015

Toscana: via libera all'autocostruzione

Scritto da: Matteo Marini

Si comincia a muovere qualcosa. Il 12 marzo scorso la Regione Toscana, con una delibera, ha stabilito le “Linee Linee di indirizzo per la sicurezza nei cantieri di autocostruzione e di autorecupero”.  Vuoi cambiare la situazione dell’abitare in italia?ATTIVATI Questo traguardo è stato ben accolto da parte dell’associazione ARIA Familiare (Associazione Rete Italiana Autocostruzione Familiare): […]

Si comincia a muovere qualcosa. Il 12 marzo scorso la Regione Toscana, con una delibera, ha stabilito le “Linee Linee di indirizzo per la sicurezza nei cantieri di autocostruzione e di autorecupero”.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

ATTIVATI

Questo traguardo è stato ben accolto da parte dell’associazione ARIA Familiare (Associazione Rete Italiana Autocostruzione Familiare): “Riteniamo sia senza dubbio un evento di forte impatto e rilevanza sociale”.

Il provvedimento voluto dalla giunta di Enrico Rossi riconosce, di fatto, la figura dell’autocostruttore semplice e non inquadrato nella realtà di una cooperativa.

 

hand holding eco house icon in nature

 

L’obiettivo dell’associazione è far sì che l’atto della Toscana sia solo la prima tessera del domino e che presto anche altre regioni possano seguire l’esempio, riconoscendo a tutti gli effetti l’autocostruzione.

“Il diritto alla casa – spiegano i membri di ARIA Familiare – è riconosciuto a livello nazionale ed internazionale, ma l’accesso all’alloggio resta di fatto precluso a larghe fasce di popolazione a basso reddito ed è qui che l’autocostruzione potrebbe svilupparsi come pratica a supporto dell’edilizia popolare tradizionale”.

 

“Fino ad oggi – continuano – chi voleva autocostruire la propria casa con l’aiuto di amici e parenti non poteva farlo in modo legale se non inquadrando l’autocostruttore entro forme associative onerose economicamente, quali la cooperativa di costruzione che mal si adatta a piccoli gruppi di autocostruttori ed a piccoli interventi quali una casa monofamiliare”.

 

La poca attenzione o il disinteresse del nostro paese nei confronti di queste pratiche: “è un fenomeno singolare e tutto italiano poichè in gran parte degli stati europei è possibile autocostruire: in Francia in aree extraurbane si possono autocostruire edifici fino a 169 metri quadrati seguendo semplicissime regole e dotandosi di adeguate coperture assicurative; esistono associazioni e scuole che supportano la formazione”.

 

La finalità di ARIA Familaire, come si legge sul suo sito ufficiale: “è quello di offrire la possibilità, a coloro che lo desiderano, di poter realizzare la abitazione o comunità o sede sociale o ambiente associativo di socialità/di pubblica utilità/servizio, con la maggior autonomia possibile e contenendo i costi per la costruzione o il recupero di un immobile ricorrendo al lavoro di volontari delle stesse realtà associative. In questo senso abbiamo individuato, nella strada dell’autocostruzione e dell’autorecupero “familiare”, un percorso utile a raggiungere lo scopo”.

 

L’autocostruzione familiare differisce da quella semplice perché riguarda piccoli interventi, fatti da piccoli gruppi di autocostruttori, una famiglia o un gruppo di amici. L’autocostruzione semplice, invece, utilizza la forma consociativa della cooperativa.

 

“Entro l’anno – racconta ancora ARIA Familiare – partiranno circa 12 progetti in autocostruzione (in Toscana, ndr.), di cui 8 interessati anche da un finanziamento messo a bando dalla Regione stessa. Nelle linee guida regionali è prevista la costituzione di un tavolo tecnico che monitori le varie esperienze, per poi andare ad integrare e migliorare le linee guida stesse, al momento carenti di indicazioni concrete per la conduzione di cantieri in autocostruzione, ma che rappresentano comunque un passo in avanti fondamentale; la Rete toscana di autocostruzione è pronta a dare un considerevole contributo all’interno del tavolo tecnico per riportare dal basso le proprie esperienze”.

 

#IoNonMiRassegno 17/1/2020

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

|

La Vita al Centro, la scuola parentale immersa nel verde – Io faccio così #275

|

Womanboss Academy: quattro storie di fioritura

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.