19 Mag 2015

Chi fa parte della scuola?

Scritto da: Redazione

Il 5 maggio un movimento di massa si è espresso in difesa della scuola: una manifestazione combattiva e ampia che […]

Il 5 maggio un movimento di massa si è espresso in difesa della scuola: una manifestazione combattiva e ampia che ha coinvolto non solo gli insegnanti, ma la società tutta.

 

buonascuola

 

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

“Lo sciopero del 5 maggio è stato un momento eclatante di un movimento diffuso in difesa del concetto di comunità costruttrice della scuola, oggi messo in pericolo dal disegno di legge di Renzi e dalle riforme precedenti”.

Sono le parole di Elisa De Sanctis, maestra di una scuola primaria romana, assieme a centinaia di colleghe e colleghi, Elisa sta partecipando alle proteste di questi giorni, nate in tutta Italia dalla necessità di difendere un progetto democratico di scuola per il futuro, progetto già minato dalle leggi approvate negli ultimi quinidici anni.

 

 

“La scuola diventi l’Agorà pedagogica collettiva che tramite la sua articolata azione ricostruisca una coscienza critica collettiva” dichiara il pedagogista Alain Goussot “insegnanti, genitori, dirigenti, personale tecnico, educatori, operatori dei servizi e reti informali ne siano protagonisti attivi e riflessivi”.

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Giocolibrio, il parco dove si incontrano outdoor education e neuroscienze
Giocolibrio, il parco dove si incontrano outdoor education e neuroscienze

Disobbedire vuol dire crescere e diventare consapevoli, lo dicono anche le fiabe
Disobbedire vuol dire crescere e diventare consapevoli, lo dicono anche le fiabe

Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi