Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Mag 2015

Chi fa parte della scuola?

Scritto da: Redazione

Il 5 maggio un movimento di massa si è espresso in difesa della scuola: una manifestazione combattiva e ampia che […]

Il 5 maggio un movimento di massa si è espresso in difesa della scuola: una manifestazione combattiva e ampia che ha coinvolto non solo gli insegnanti, ma la società tutta.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

buonascuola

 

“Lo sciopero del 5 maggio è stato un momento eclatante di un movimento diffuso in difesa del concetto di comunità costruttrice della scuola, oggi messo in pericolo dal disegno di legge di Renzi e dalle riforme precedenti”.

Sono le parole di Elisa De Sanctis, maestra di una scuola primaria romana, assieme a centinaia di colleghe e colleghi, Elisa sta partecipando alle proteste di questi giorni, nate in tutta Italia dalla necessità di difendere un progetto democratico di scuola per il futuro, progetto già minato dalle leggi approvate negli ultimi quinidici anni.

 

 

“La scuola diventi l’Agorà pedagogica collettiva che tramite la sua articolata azione ricostruisca una coscienza critica collettiva” dichiara il pedagogista Alain Goussot “insegnanti, genitori, dirigenti, personale tecnico, educatori, operatori dei servizi e reti informali ne siano protagonisti attivi e riflessivi”.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso vietare il burqa? – Io Non Mi Rassegno #323

|

Come coltivare un orto biologico? Scopriamolo insieme a Let Eat Bi!

|

Il cambiamento? Sei tu! Torna Vivi Consapevole Live

|

Cura del territorio ed economia circolare per salvare le montagne italiane

|

La produzione di energia – Io rifaccio casa così #4

|

Donne in cammino: nasce il Festival delle Ragazze in Gamba

|

Cannistrà, il piccolo borgo trasformato in bene comune dai cittadini

|

TuttiConnessi, la raccolta solidale che rigenera e dona PC agli studenti