Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
28 Mag 2015

Il Progetto Molin di Bucchio selezionato per ReStartApp

Scritto da: Daniela Bartolini

L’Antica Acquacoltura Molin di Bucchio in Casentino selezionata da ReStartApp, il campus residenziale che sostiene la nascita di imprese impegnate nelle filiere tipiche dell’Appennino.

La realizzazione del sogno, nato lunghi i fossi del Casentino, di due giovani trentenni casentinesi, è sempre più vicino.

Domenica, durante la presentazione del portale di Casentino che Cambia, Andrea Gambassini e Alessandro Volpone si sono emozionati nel comunicare la notizia della loro partecipazione a ReStartApp, il campus residenziale per lo sviluppo di idee di impresa e startup impegnate nelle filiere tipiche dell’Appennino.

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

ATTIVATI

ReStartAppidee che muovono montagne è un incubatore di impresa per il rilancio dell’economia appenninica, promosso dalla Fondazione Edoardo Garrone. Non solo un campus in cui, affiancati da docenti, esperti e professionisti dei principali settori dell’economia appenninica e montana, apprendere importanti elementi per avviare e gestire un’impresa rurale, ma anche un concorso di idee. Per i 30 giovani aspiranti imprenditori under 35 scelti in base alle idee che mirano a creare impresa nei settori dell’agricoltura, dell’allevamento, dell’agroalimentare, del turismo e della cultura e all’effettivo contributo che possono fornire al rilancio e alla valorizzazione dell’Appennino, la fondazione mette a disposizione premi per 120 mila euro per l’avvio dell’impresa.

Il Progetto Molin di Bucchio ha tutti i punti di forza e le connessioni necessarie per puntare a vincere uno dei premi come miglior progetto d’impresa. Definirlo solo un progetto di allevamento ittico, sarebbe infatti riduttivo.

Il sogno di Andrea e di Alessandro era di fare della biodiversità e della sua tutela un progetto di lavoro. E’ nata così l’idea di restaurare e riportare in funzione l’Antica Acquacoltura Molin di Bucchio.

La troticoltura nacque alla fine dell’800 accanto ad uno dei più antichi mulini del Casentino, il primo mulino lungo il corso dell’Arno. Siamo tra Londa e Stia, il grande fiume toscano nasce pochi chilometri sopra, arriva al mulino e all’acquacoltura che è ancora torrente, piccolo ma abbastanza forte da azionare le pale del mulino. E sopratutto con acque pulite ed incontaminate, adatte all’allevamento ittico e habitat naturale per lo sviluppo di molte specie anfibie.
Tre antiche vasche a monte del mulino, due di fine ‘800 e il bottaccio del mulino risalente al 1200, e sette vasche moderne a monte. Un grande impianto attivo fino agli anni ’70 che negli anni ’30 ricevette numerosi riconoscimenti da parte del Ministero dell’Agricoltura ed oggi di proprietà della famiglia Bucchi, custode anche dell’antico Molino di Bucchio sede di una delle antenne dell’Ecomuseo del Casentino, con la quale Alessandro ed Andrea hanno stipulato un contratto ventennale di gestione.

Salvaguardia delle locali specie ittiche d’acqua dolce a rischio di estinzione per la ripopolazione.
Salvaguardia storica attraverso il restauro di un luogo antico con i materiali originali.
Sostenibilità ambientale, un impianto a impatto zero che prevede la fitodepurazione delle acque di allevamento.
Attenzione verso la qualità ed il benessere delle specie allevate per ridare dignità al cibo che mangiamo, attraverso l’utilizzo di mangimi biologici ed un allevamento naturale
Educazione, con la creazione di percorsi didattici alla scoperta degli anfibi (salamandre e tritoni in particolare) che trovano in queste acque il loro habitat naturale, e agli impianti della troticoltura.
Socialità, uno spazio da restituire alla comunità che diventi punto di ritrovo, di incontro, di condivisione.
Nell’antica acquacoltura si seguirà tutto il ciclo di vita della trota, dalle uova alla riproduzione, per arrivare agli avannotti e a pesci di due, tre anni di vita.

Italia che cambia aveva già incontrato questi giovani imprenditori un anno fa.
In questi mesi le vasche degli anni ’50 sono state svuotate, ripulite dai sedimenti così come la vanotteria per la riproduzione. Adesso i lavori sono fermi, i prossimi interventi edili necessitano di professionisti. E di investimenti.

ReStartApp rappresenta una grande occasione per realizzare il sogno di unire passione e amore per il proprio territorio ad un progetto di vita e di lavoro.
Nove settimane di campus a Portico di Romagna sono un grande impegno per due giovani padri ma Alessandro e Andrea sono fieri di rappresentare la propria terra e di provare a far rinascere uno dei mestieri più antichi del mondo: l’acquacoltura montana.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si consuma meno carne, ma gli allevamenti sono sempre più grandi – Io Non Mi Rassegno #151

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori

|

I segni del corpo della Terra