25 Mag 2015

E' nato Casentino che Cambia, il nostro primo portale territoriale!

Lo abbiamo immaginato, progettato, per mesi abbiamo lavorato per realizzarlo… Finalmente è online! Si prova sempre un’emozione speciale quando un’idea […]

cccLo abbiamo immaginato, progettato, per mesi abbiamo lavorato per realizzarlo… Finalmente è online! Si prova sempre un’emozione speciale quando un’idea prende forma e oggi siamo felici di annunciarvi la nascita del nostro primo portale territoriale: Casentino che Cambia!

 

Alcuni purtroppo ne conoscono a malapena il nome, altri ne hanno sentito parlare, pur non sapendolo esattamente collocare geograficamente.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Nel cuore della Toscana, il Casentino non solo esiste ed è una terra incantevole, ma rappresenta anche testimonianza ideale di quell’Italia viva e in fermento che abbiamo deciso di scoprire, raccontare, valorizzare e contribuire a mettere in rete.

 

Abbiamo deciso di far questo mantenendo un duplice sguardo: nazionale e locale al contempo, affinché questo approccio possa favorire quelle contaminazioni positive e quel rafforzamento reciproco che ci auspichiamo avvenga sempre più tra le realtà virtuose italiane.

 

Sin dalle prime fasi di questo progetto, abbiamo così ideato la creazione di una rete di portali territoriali e tematici interconnessi tra loro, in cui realizzare una mappatura più approfondita di quei luoghi, attivare redazioni locali, avviare processi di messa in rete e facilitazione tra utenti e progetti, proporre una serie di strumenti che rendano possibile un alto livello di interattività fra cittadini e realtà mappate, costruendo un social orientato all’azione.

 

Un’idea che è finalmente diventata realtà!

 WP_20150524_12_13_22_Pro

Il portale web “Casentino che Cambia”  è uno strumento innovativo che ha lo scopo di far emergere tutte le esperienze virtuose di valorizzazione del territorio casentinese.

 

Sul sito www.checambia.org  si può trovare:

  • una mappa sempre aggiornata in cui sono geolocalizzate tutte le realtà che abbiamo incontrato, con schede di approfondimento e video realizzati dallo staff di Italia che Cambia;
    – un giornale aggiornato quotidianamente dalla redazione locale, coordinata da Daniela Bartolini
    – una sezione “social” in cui ogni utente registrato potrà interagire con gli altri e con le realtà della mappa, commentare gli articoli, proporre le sue iniziative e organizzare eventi.

 

Promosso in collaborazione con la Fondazione Giuseppe e Adele Baracchi  e con il Centro Creativo Casentino , “Casentino che Cambia” è stato presentato ieri 24 maggio a Bibbiena nel corso di una giornata in cui, oltre alla presentazione del nuovo portale web e delle sue funzionalità, si è svolto l’incontro con i veri protagonisti del Casentino che Cambia: tutte quelle persone che amano questa splendida terra e che ogni giorno contribuiscono a valorizzarla puntando sul turismo responsabile, sulla cultura, sulla biodiversità, sui prodotti e le eccellenze locali.

 IMG_20150524_161029 (1)

Storie, luoghi, progetti e soprattutto volti che si alternano nel documentario “Viaggio nel Casentino che Cambia”, realizzato da Daniel Tarozzi, proiettato in anteprima ieri a Bibbiena.

 

Con le sue foreste, i suoi territori incontaminati, il suo saldo legame con le tradizioni e la sua energia vitale, il Casentino ha le caratteristiche ideali per inaugurare uno strumento, quello dei portali territoriali, pensato per rafforzare il rapporto delle persone con i luoghi, promuovendo pratiche sostenibili e resilienti.

 

 Cosa aspetti a scoprirlo?

 

 Leggi il resoconto della presentazione del 24 maggio a cura di Daniela Bartolini

 

 

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3
Green pass obbligatorio: l’Italia è in fermento – Aspettando Io Non Mi Rassegno #3

L’importanza dell’informazione positiva in questo momento di emergenza
L’importanza dell’informazione positiva in questo momento di emergenza

Il “mio” Brasile, così diverso da quello di Bolsonaro
Il “mio” Brasile, così diverso da quello di Bolsonaro

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa