21 Mag 2015

Spirito e Natura: il popolo nativo Sami a Camaldoli

Scritto da: Daniela Bartolini

Domenica 17 maggio al Monastero di Camaldoli presentazione del film "LAPONIA-Nature and Natives" di Andrea Barghi ed incontro con i rappresentanti del popolo nativo Sami.

I Sami sono un popolo, un popolo nativo antico, la loro patria, chiamata Sápmi nella loro lingua d’origine, si estende tra Norvegia, Svezia, Finlandia e Russia, comprendendo anche la Lapponia.
Ma i Sami non sono, non si sentono “lapponi” come i coloni svedesi li definirono. E la Sápmi non è una nazione. Pur avendo un’organizzazione interna, questo popolo non ha mai avuto uno status politico indipendente e rimane a tutt’oggi una delle poche popolazioni indigene al mondo a mantenere usi, costumi, tradizioni, cultura e lingua diverse dalla società in cui vivono.
I Sami furono, fino agli anni ’50, allevatori di renne, pescatori e cacciatori, abitanti nomadi di una natura incontaminata fatta di neve e silenzio, tra la pianura senza alberi della tundra e vette innevate solcate da fiumi impetuosi.
Le loro case trasportabili, le kota, hanno la stessa forma di quelle degli indiani d’America, dei Siox di cui si dice siano gli antenati.
Andrea Barghi, fotografo di emozioni, è entrato in questo “mondo”, ha condiviso luoghi, vita di questo popolo e da questo incontro è scaturito un libro fotografico ed un film “Laponia – Natura e Natives” prodotto da Veronica Bernacchioni.
Un lavoro lungo tre anni per raccontare un popolo, una narrazione in cui sono le immagini, i suoni della natura e di una lingua a noi sconosciuta a parlare.
Domenica 17 maggio si incontraranno due culture in un altro luogo magico e spirituale immerso nel Parco delle foreste casentinesi. Alle ore 15,00 una processione simbolica partirà dal Monastero di Camaldoli per raggiungere il castagno Miraglia e sotto l’albero secolare ascolteremo i canti del popolo Sami ed accoglieremo i saluti di Bertil Pittsa, anziano della comunità Sami, e di Don Ugo Fossa, bibliotecario di Camaldoli.
La giornata proseguirà all’interno del Monastero, nella Sala del Landino, con la proiezione del film e si concluderà con la degustazione di prodotti locali e del pane di corteccia di pino, tipico del popolo Sami.

Parteciperanno Don Ugo Fossa, bibliotecario di Camaldoli – Bertil Pittsa, anziano della comunità Sami – Per-Eric Kuoljok, cantore di Joik – Bernt Wennström, rappresentante istituzioni svedesi – Andrea Barghi, fotografo e regista – Veronica Bernacchioni, editore e produttore Varda.
L’evento, con ingresso gratuito, è organizzato da Varda, CASENTINO2000 e la Comunità Monastica di Camaldoli. Con il contributo di Aruba, La Sorgente, Miniconf e I Tre Baroni.

Articoli simili
Il Festival delle Culture “A Buenos Aires una volta”
Il Festival delle Culture “A Buenos Aires una volta”

Fotoconfronti 2017

Una tappezzeria e falegnameria di quartiere per condividere spazi e saperi
Una tappezzeria e falegnameria di quartiere per condividere spazi e saperi

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25

|

I detenuti scrivono una lettera aperta ai cittadini: “Investite su di noi”

|

Susflo: economia circolare per combattere la plastica e l’usa-e-getta

|

IT.A.CÀ fa tappa a Palermo, fra lotta alla mafia, inclusione sociale e mobilità dolce

|

Ulivi malati e biodiversità in pericolo: la Puglia non si avvelena!

|

Stagione di caccia: nessuno stop nonostante gli incendi abbiano decimato gli animali

|

La Foresta in Testa: musica e natura per far emergere i talenti