22 Giu 2015

Artemisia: viaggio nell’universo femminile

Scritto da: Daniela Bartolini

Fare rete per parlare di donne, arte, amore e violenza. Un collettivo di artiste e le associazioni del territorio ad Agosto alla Galleria Comunale di Poppi.

Salva nei preferiti

Chi produce arte ha bisogno di mostrare il proprio lavoro, di avere lo scambio con lo sguardo dell’altro, nutrirsi dell’incontro e del confronto. C’è bisogno di spazi che accolgano l’arte e a volte è lo spazio stesso a parlare, a chiedere qualcosa che va oltre. Lo spazio stesso diventa una tela bianca che necessita intrecci e pennellate nuove.

E’ nato così, dalla ricerca di uno spazio per una mostra personale, un progetto artistico sull’universo femminile, “Artemisia – viaggio nell’universo femminile: l’amore, l’arte, la violenza”.
Una collettiva di donne: Daniela Baldinger, Barbagli Sonia, Silvia Rossi, Caterina Gynt, Sara Lovari e Kali Roberta Agostini, per raccontare il complesso universo femminile.
Partire dall’arte e dall’amore per provare a trovare un linguaggio nuovo, delicato e fuori dagli stereotipi per parlare anche di violenza sulle donne. Un tema di cui si parla tanto e spesso male, la cui complessità diventa spesso scusa per l’evitamento o la superficialità.

Seguendo lo spazio della Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Palazzo Giorgi di Poppi, con la sua ampia stanza centrale, è venuto naturale a queste artiste casentinesi, per nascita o per scelta, pensare ad una piazza in cui fare rete e dialogare con altre arti e con le associazioni del territorio.
Performance, installazioni, musica, teatro, narrativa. Le Donne di Carta di Arezzo, l’associazione Cinespazio, il Centro Giovani C’entro anch’io, il gruppo teatrale NATA, la Sezione Soci Coop Centro Italia di Bibbiena e Subbiano e tanti altri.
Un mese, ad agosto, di eventi gratuiti ispirati ad Artemisia Gentileschi, pittrice seicentesca, che per prima si affermò come artista in un arte maschile , lottando per la propria indipendenza e le rigide convenzioni della società in cui viveva.

Scopri tutti gli eventi in programma

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica
Liquida, il festival che trasforma Codrongianos nel polo vivace della letteratura giornalistica

Rinaldo Pinna e i suoi Sonheros: quando la musica di strada diventa collante sociale
Rinaldo Pinna e i suoi Sonheros: quando la musica di strada diventa collante sociale

SiciliAmbiente Film Festival, a San Vito Lo Capo il festival che coniuga ambiente e diritti umani
SiciliAmbiente Film Festival, a San Vito Lo Capo il festival che coniuga ambiente e diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Dalle crepe nel modello standard alla teoria delle stringhe. La scienza è in crisi? – #967

|

Kalabria Eco Fest ed Economia del Bene Comune: fare impresa etica in Calabria è possibile?

|

Inaugurata la bibliocabina con cassetta delle lettere, tra cultura e introspezione

|

Il video racconto da Selargius, tra chi ha lasciato tutto per presidiare e chi fra gli ulivi ha trovato comunità

|

PFAS e i cantieri TAV: tutte le acque contaminate, dal Veneto alla Val di Susa

|

Change!, la mostra che parla di Po, siccità e crisi climatica

|

Il volontariato che fa scoprire il mondo: la storia di Emily, giovane wwoofer

|

Open Accessible Cooking, il progetto di Elena e Andrea per una cucina accessibile

string(9) "casentino"