Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Giu 2015

Artemisia: viaggio nell’universo femminile

Scritto da: Daniela Bartolini

Fare rete per parlare di donne, arte, amore e violenza. Un collettivo di artiste e le associazioni del territorio ad Agosto alla Galleria Comunale di Poppi.

Chi produce arte ha bisogno di mostrare il proprio lavoro, di avere lo scambio con lo sguardo dell’altro, nutrirsi dell’incontro e del confronto. C’è bisogno di spazi che accolgano l’arte e a volte è lo spazio stesso a parlare, a chiedere qualcosa che va oltre. Lo spazio stesso diventa una tela bianca che necessita intrecci e pennellate nuove.

E’ nato così, dalla ricerca di uno spazio per una mostra personale, un progetto artistico sull’universo femminile, “Artemisia – viaggio nell’universo femminile: l’amore, l’arte, la violenza”.
Una collettiva di donne: Daniela Baldinger, Barbagli Sonia, Silvia Rossi, Caterina Gynt, Sara Lovari e Kali Roberta Agostini, per raccontare il complesso universo femminile.
Partire dall’arte e dall’amore per provare a trovare un linguaggio nuovo, delicato e fuori dagli stereotipi per parlare anche di violenza sulle donne. Un tema di cui si parla tanto e spesso male, la cui complessità diventa spesso scusa per l’evitamento o la superficialità.

Seguendo lo spazio della Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Palazzo Giorgi di Poppi, con la sua ampia stanza centrale, è venuto naturale a queste artiste casentinesi, per nascita o per scelta, pensare ad una piazza in cui fare rete e dialogare con altre arti e con le associazioni del territorio.
Performance, installazioni, musica, teatro, narrativa. Le Donne di Carta di Arezzo, l’associazione Cinespazio, il Centro Giovani C’entro anch’io, il gruppo teatrale NATA, la Sezione Soci Coop Centro Italia di Bibbiena e Subbiano e tanti altri.
Un mese, ad agosto, di eventi gratuiti ispirati ad Artemisia Gentileschi, pittrice seicentesca, che per prima si affermò come artista in un arte maschile , lottando per la propria indipendenza e le rigide convenzioni della società in cui viveva.

Scopri tutti gli eventi in programma

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La rabbia afroamericana e Trump vs. Twitter – Io Non Mi Rassegno #148

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3

|

I cinque studenti dell’isola di Alicudi e la resilienza delle piccole scuole

|

Il futuro di eventi e festival musicali? Ripartiamo dalla sostenibilità!