11 Giu 2015

Un Mercatale per la Vallesanta

Scritto da: Daniela Bartolini

Domenica 14 giugno si inaugura a Corezzo il mercatale della Vallesanta. Prima mostra-mercato dei piccoli produttori alimentari e artigianali locali, biologici e naturali.

Valorizzare il territorio montano nelle sue caratteristiche paesaggistiche e culturali, migliorare la qualità della vita di chi lo abita. La promozione e la valorizzazione dei beni culturali ha una valenza strategica nel processo di crescita di un territorio come comunità ed anche in termini economici. Uno sviluppo sostenibile del territorio trova un punto di partenza e di forza nello sviluppo di attività economiche connesse al patrimonio culturale. Un’occasione importante per quelle aree spesso giudicate svantaggiate da un punto di vista geografico, come le aree montane, ma che spesso sono ricche di saperi, coese, comunità vitale.

La Vallesanta è una delle parti più selvagge del Casentino, su cui si affaccia il sacro Monte de La Verna che ospita il santuario francescano, ed è anche luogo di tradizioni, associazioni, piccole aziende agricole biologiche e contemporaneamente meta da anni di un nuovo popolamento anche grazie ad un progetto di eco villaggio.

La ProLoco di Corezzo è una delle pro loco più attive del Casentino, che ha saputo fare della propria tradizione culinaria un evento anche di richiamo turistico con la Sagra del tortello alla lastra e una risorsa economica attraversa la quale migliorare, conservare, dare servizi al proprio territorio.
Insieme al Comune di Chiusi della Verna si è impegnata nella costruzione di uno spazio mercatale-espositivo, inaugurato nell’agosto del 2012 che è riuscito ad ottenere, tramite la Regione Toscana, un finanziamento del FESR 2007-2013 nell’area “Sostegno per lo sviluppo di attività economiche e per la tutela, la valorizzazione e la promozione delle risorse naturali e culturali ai fini dello sviluppo di un turismo sostenibile nelle aree di svantaggio geografico”. Asse di finanziamento che mira a fornire strumenti di sostegno che consentano di costruire un territorio rurale vivo e vitale e un tessuto socio-economico forte in grado di garantire lo sviluppo armonico del territorio.

Domenica 14 giugno la struttura ospiterà per la prima volta, dalle 10,00 alle 19,30, la mostra-mercato dei piccoli produttori alimentari e artigianali locali, biologici e naturali. Un mercatale appunto che si ripeterà mensilmente durate l’estate e con appuntamenti collegati ai cicli produttivi durante gli altri mesi, con eventi dedicati alla castagna, alle marmellate ed altro.

Un evento che coinvolge, in un ottica sinergica, tutti gli attori che in questo territorio operano ed investono da anni: Comune di Chiusi della Verna, Pro Loco Corezzo, Unione dei Comuni Montani del Casentino, Ecomuseo del Casentino e della Vallesanta, Biodistretto del Casentino, Produttori della Vallesanta.

Oltre alla mostra-mercato a cura dei produttori della Vallesanta e del Biodistretto del Casentino, al pranzo con prodotti tipici, dimostrazioni di pratiche artigianali, laboratori gratuiti e attrazioni per i più piccoli e musica, della domenica, la struttura mercatale ospiterà sabato 13 un seminario dedicato al ballo di tradizione locale che si concluderà con la Veglia di Corezzo con i suonatori della Vallesanta e de La Leggera.

Il fine è di produrre effetti positivi e durevoli in termini di sviluppo sostenibile, di nuova imprenditorialità e di occupazione qualificata, nonché di favorire lo sviluppo turistico e commerciale delle aree di riferimento, consentendo processi di crescita qualitativa economica e sociale dei territori interessati.

ll Mercatale è un’occasione di incontro in cui si recupera il significato profondo di “mercato” che è relazione, racconto, condivisione del sapere, socializzazione, storia.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza