23 Giu 2015

Tra Uganda e Guatemala: storie di uomini e di caffè

Scritto da: Redazione

Se la sicurezza alimentare è uno dei grandi temi di cui negli ultimi anni i governi hanno iniziato a occuparsi, […]

Se la sicurezza alimentare è uno dei grandi temi di cui negli ultimi anni i governi hanno iniziato a occuparsi, il diritto alla sovranità alimentare è sempre minacciato dalle grandi multinazionali e dagli interessi privati. Ma ci sono anche storie diverse, di uomini, donne e caffè. Si chiama “Caffè +9”.

 

 

coffee-and-beans-large

 

Nove come le ore di fuso orario tra Uganda e Guatemala, i due Paesi da cui è importata la materia prima della miscela commercializzata da Shadhilly . Piccola cooperativa marchigiana, Shadhilly si basa su un contatto reale, diretto, fiduciario con i piccoli produttori locali.

Un esempio di come si possa fare impresa basandosi non su criteri dello sfruttamento del lavoro, della massimizzazione dei profitti e della speculazione, ma sulla giustizia e sulla collaborazione con le realtà di piccola scala. Ma come si stanno muovendo i “grandi” del pianeta? La “Nuova Alleanza per la sicurezza alimentare e la nutrizione” siglata al G8 del 2012 ha proposto un accordo multistakeholder, di cui oggi se ne vagliano gli effetti reali: l’accaparramento delle terre volto non alla produzione di cibo per la sicurezza alimentare delle popolazioni ma per l’esportazione di materie prime e agro-carburanti.

 

 
 
«La “nuova alleanza” è solo un esempio emblematico di una tendenza generale delle politiche di sviluppo che tendono sempre più a sopprimere le politiche pubbliche e a lasciare la responsabilità al settore privato per la sicurezza alimentare. E questa è una svista terribile», spiega Paola De Meo, dell’associazione Terra Nuova , che insieme a tante altre realtà internazionali fa appello ai governi per un’inversione di rotta che non violi i diritti dei contadini e delle comunità locali impegnate nell’affermazione dell’autonomia alimentare.
 
 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Condannare il caporalato per tutelare i diritti dei lavoratori nei campi
Condannare il caporalato per tutelare i diritti dei lavoratori nei campi

A La Spezia inaugura “Casa Riders”: un rifugio per i lavoratori su due ruote
A La Spezia inaugura “Casa Riders”: un rifugio per i lavoratori su due ruote

Dalle donne per le donne: in cucina per l’inclusione, oltre la violenza di genere
Dalle donne per le donne: in cucina per l’inclusione, oltre la violenza di genere

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

|

“Ci siamo trasferiti in montagna e ora cerchiamo persone per costituire una cooperativa di comunità”

|

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

|

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno