2 Set 2015

AutunnoSlow nelle foreste casentinesi

Scritto da: Daniela Bartolini

Nel Parco nazionale delle foreste casentinesi l'autunno inizia il 12 settembre! Sette settimane dedicate all'affascinante natura autunnale.

Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi propone per il quarto anno AUTUNNOSLOW, per vivere appieno questa affascinante stagione che tinge la foresta di sfumature gialle rosse, verdi e arancioni.

Dal 12 settembre al 15 novembre tante iniziative: escursioni, passeggiate, laboratori, mostre, workshop di fotografia, sagre, degustazioni, pacchetti turistici speciali per scoprire il territorio nella magia del paesaggio autunnale.

Una proposta “slow” che invita a rallentare dopo la carica dell’energia estiva, seguendo l’invito delle foglie che cadono e ammirando lo spettacolo del “fall foliage” che giunge qui al suo culmine nelle ultime due settimane di ottobre e le prime due di novembre. La varietà di alberi presenti nel parco, dominate in alto dal faggio, accanto ad abeti bianchi, aceri montani, olmi, tigli e frassini fa della foresta casentinese ”la più colorata d’Italia”.

Questa è anche la stagione del bramito, il potente verso del cervo in amore. Da metà settembre a metà ottobre circa, i cervi maschi si sfidano infatti a suon di bramiti per rivendicare il possesso delle femmine su altri pretendenti.
È proprio tramite il bramito che nel Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, viene effettuato il censimento del cervo. Al censimento, che si terrà quest’anno dal 24 al 26 settembre è possibile partecipare iscrivendosi entro il 10 settembre.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Una proposta culturale, naturalistica e turistica che invita alla lentezza, all’osservazione, all’ascolto e che unisce ai colori della foresta e all’emozionante bramito del cervo, la ricchezza dei sapori dei prodotti del sottobosco e della tradizione gastronomica della montagna tosco-romagnola. Da gustare anch’essa con lentezza nelle tante sagre e manifestazioni collaterali.

Articoli simili
Genitori, in vacanza educate i vostri bambini a rispettare gli animali marini!
Genitori, in vacanza educate i vostri bambini a rispettare gli animali marini!

A passo d’asino per scoprire i sentieri dell’Etna in modo lento ed ecologico
A passo d’asino per scoprire i sentieri dell’Etna in modo lento ed ecologico

La seta cruelty-free che non uccide i bachi. Monica ci racconta la peace silk
La seta cruelty-free che non uccide i bachi. Monica ci racconta la peace silk

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi