8 Dic 2015

Greenpeace: “a Natale regala un futuro alle foreste”

Scritto da: Greenpeace

Greenpeace ha lanciato la campagna Natale per la foresta, per regalare un futuro al cuore verde del nostro Pianeta

Sono il polmone del Pianeta, la casa di specie meravigliose e in pericolo come tigri e oranghi, hanno una fondamentale funzione di mitigazione dei cambiamenti climatici e rappresentano la fonte primaria di sopravvivenza per milioni di persone. Sono le foreste, e sono sempre più minacciate dalle attività dell’uomo. Per questo Greenpeace ha lanciato la campagna “Natale per la foresta”, per regalare un futuro al cuore verde del nostro Pianeta.

 

sunny_forrest_by_peenbuiker-d50b44a
 
Monocolture industriali, allevamenti intensivi, incendi, commercio di legno illegale sono le cause principali della deforestazione, che interessa principalmente le foreste pluviali in Indonesia e le aree amazzoniche del Sud America.

 
In Indonesia negli ultimi 25 anni sono andati persi 31 milioni di ettari di foresta, un’area grande quasi quanto la Germania. Le compagnie produttrici di olio di palma e polpa di cellulosa per la produzione di carta sono le principali responsabili di questa devastazione: quasi il 40 per cento della deforestazione avvenuta tra il 2011 e il 2013 ha avuto luogo in terreni convertiti in piantagioni industriali.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

 
Distruggendo le foreste si perdono inoltre habitat ricchi di diversità biologica e specie endemiche. Ad esempio, in soli due anni (2011 – 2013) gli oranghi che abitano esclusivamente le foreste del Borneo e Sumatra hanno perso il 4 per cento di ciò che resta del loro habitat e sono sull’orlo dell’estinzione: allo stato selvatico, rimangono solo 55 mila oranghi del Borneo e 6 mila e 600 oranghi di Sumatra.

 
Gli incendi appiccati per deforestare l’Indonesia hanno avuto inoltre anche gravissimi effetti sulla salute delle persone: milioni di abitanti del Sud-est asiatico hanno subito danni gravi alla salute a causa della nube di ceneri e fumo provocata dai roghi​. Si stima che circa 500 mila persone in Indonesia siano affette da malattie respiratorie acute.

 

 

Articoli simili
La legge di attrazione: come il pensiero positivo può trasformare la nostra vita
La legge di attrazione: come il pensiero positivo può trasformare la nostra vita

Wineleather, il tessuto vegetale dagli scarti del vino

Festival della RigenerAzione: Natale e Capodanno a Panta Rei

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa