Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
8 Dic 2015

Greenpeace: “a Natale regala un futuro alle foreste”

Scritto da: Greenpeace

Greenpeace ha lanciato la campagna Natale per la foresta, per regalare un futuro al cuore verde del nostro Pianeta

Sono il polmone del Pianeta, la casa di specie meravigliose e in pericolo come tigri e oranghi, hanno una fondamentale funzione di mitigazione dei cambiamenti climatici e rappresentano la fonte primaria di sopravvivenza per milioni di persone. Sono le foreste, e sono sempre più minacciate dalle attività dell’uomo. Per questo Greenpeace ha lanciato la campagna “Natale per la foresta”, per regalare un futuro al cuore verde del nostro Pianeta.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

sunny_forrest_by_peenbuiker-d50b44a
 
Monocolture industriali, allevamenti intensivi, incendi, commercio di legno illegale sono le cause principali della deforestazione, che interessa principalmente le foreste pluviali in Indonesia e le aree amazzoniche del Sud America.

 
In Indonesia negli ultimi 25 anni sono andati persi 31 milioni di ettari di foresta, un’area grande quasi quanto la Germania. Le compagnie produttrici di olio di palma e polpa di cellulosa per la produzione di carta sono le principali responsabili di questa devastazione: quasi il 40 per cento della deforestazione avvenuta tra il 2011 e il 2013 ha avuto luogo in terreni convertiti in piantagioni industriali.

 
Distruggendo le foreste si perdono inoltre habitat ricchi di diversità biologica e specie endemiche. Ad esempio, in soli due anni (2011 – 2013) gli oranghi che abitano esclusivamente le foreste del Borneo e Sumatra hanno perso il 4 per cento di ciò che resta del loro habitat e sono sull’orlo dell’estinzione: allo stato selvatico, rimangono solo 55 mila oranghi del Borneo e 6 mila e 600 oranghi di Sumatra.

 
Gli incendi appiccati per deforestare l’Indonesia hanno avuto inoltre anche gravissimi effetti sulla salute delle persone: milioni di abitanti del Sud-est asiatico hanno subito danni gravi alla salute a causa della nube di ceneri e fumo provocata dai roghi​. Si stima che circa 500 mila persone in Indonesia siano affette da malattie respiratorie acute.

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il mondo nel guado della transizione energetica – Io Non Mi Rassegno #174

|

Le erbe spontanee: una ricchezza da riscoprire e tutelare

|

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

|

Con Junker app i rifiuti si riconoscono (anche) grazie all’intelligenza artificiale

|

Può esistere una lobby buona?

|

Integrazione e solidarietà nel cuore di Ballarò

|

The Honey bar, qualcosa di nuovo ronza nel centro di Genova

|

Buone riunioni: possono fare la differenza!