Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
2 Dic 2015

Io faccio così #99 – Riscaldarsi e ridurre l’inquinamento: le stufe ecologiche di Karniafire

Scritto da: Elena Risi

Karniafire, di Mario Morassi, è un'azienda artigiana che si occupa di produzione ed installazione di stufe a legna ed elettriche ad accumulo in pietra e ceramica. Si tratta di oggetti molto particolari, progettati da lui, che sfruttano le particolarità delle pietre ollari (e non solo) per creare un calore costante e diffuso nell'ambiente per molte ore consumando pochissima legna. Hanno un costo elevato di investimento, ma il risultato è garantito sia per l'abitazione che per il pianeta.

Il tema delle emissioni è protagonista in questi giorni per l’apertura della Conferenza delle parti Onu sui cambiamenti climatici. Mentre i “grandi” si riuniscono, la storia di Mario Morassi e della sua azienda produttrice di stufe, la Karniafire, dimostra che uno sfruttamento intelligente delle risorse è possibile.

Vuoi cambiare la situazione
dell'energia in italia?

ATTIVATI

Mario è un uomo molto versatile, racconta che nella sua vita ha ricevuto sempre una grande quantità di stimoli ed è stato capace di seguirli e ottenere buoni risultati. Mario è un congegnatore meccanico, sa disegnare e fabbricare oggetti meccanici e nel 2005 decide di avviare l’azienda di cui è attualmente gestore. Oggi grazie al passaparola e alla qualità dei suoi prodotti è diventato un punto di riferimento nella zona di Tolmezzo (in provincia di Udine), dove risiede e lavora.

Alla base della sua filosofia di produzione c’è la consapevolezza che la natura ci offre tutto ciò di cui abbiamo bisogno a condizione di rispettarne gli equilibri. Per produrre energia il legname è un combustibile molto valido, pulito e rinnovabile oltre che disponibile ad un costo molto inferiore rispetto ai fossili.

Karniafire nasce come realtà produttiva con l'intento di eseguire prodotti per il riscaldamento a basso inquinamento e a risparmio energetico

Karniafire nasce come realtà produttiva con l’intento di eseguire prodotti per il riscaldamento a basso inquinamento e a risparmio energetico

Le stufe a legna disegnate e costruite da Mario nascono con l’idea di sfruttare al massimo l’energia della fiamma, riscaldandosi in poco tempo e trattenendo invece molto a lungo il calore accumulato rilasciandolo a poco a poco nel tempo. Questa caratteristica tocca un altro tema chiave per la lotta ai cambiamenti climatici: è sato infatti calcolato che un piano di efficientamento energetico su larga scala potrebbe incidere sulla riduzione delle emissioni di CO2 con una percentuale del 40%.

Grazie a questa capacità di ottimizzare la produzione di calore grazie al suo mantenimento nel tempo, la quantità di combustibile necessaria è molto minore rispetto ai caloriferi tradizionali. Una stufa dell’azienda Karnafire è insomma un investimento: il costo iniziale dell’acquisto è più alto ma permette di risparmiare molto sul legname e di ripagare in tempi brevi la spesa più ingente. Inoltre, l’impatto ambientale che produce questa tecnologia è ridotto al minimo. La quantità di CO2 prodotta con la combustione del legname non è superiore a quella che produrrebbe la pianta stessa nel processo di decomposizione.

Le stufe di Karniafire sono progettate da Mario Morassi

Le stufe di Karniafire sono progettate da Mario Morassi

“Questo tipo di prodotto riesce ad andare incontro anche alle generazioni più giovani” – spiega Mario Morassi – “che stando molto meno a casa non possono permettersi di passare troppo tempo ad aspettare il processo di accensione della stufa”. Il leader della Karniafire racconta che i suoi clienti sono soddisfatti e affezionati. “Un giorno una signora è venuta da me dicendomi che aveva cambiato già quattro stufe e che non avrebbe accettato l’ennesima delusione”, ricorda Morassi. “Ebbene, quella signora è rimasta talmente soddisfatta che ogni anno, al momento della raccolta, ancora mi omaggia regalandomi i fagioli della sua terra”.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti