4 Dic 2015

“Voli di speranza” a Romena

Scritto da: Daniela Bartolini

La Fraternità di Romena e Rondine Cittadella della Pace si incontrano in occasione dei 20 anni della Fondazione Baracchi per un pomeriggio di testimonianze e spettacolo. Sabato 12 dicembre dalle ore 16 alla Pieve di Romena.

Sabato 12 dicembre alle ore 16, “voli di speranza” si intrecceranno alla Pieve di Romena.

Tre realtà insieme: la Fraternità di Romena, la Cittadella della Pace di Rondine e la Fondazione Baracchi, per festeggiare insieme la conclusione di un anno importante per tutte queste realtà ed una storia comune.

Per Romena il 2015 è stato una anno in cui si sono realizzati grandi progetti, tra cui la costruzione del nuovo auditorium, fondamentale per accogliere le tante iniziative che vengono promosse dalla fraternità e i tanti “viandanti” del nostro tempo in cerca di uno spazio di autenticità per ritrovare se stessi e un senso per vivere.
Rondine, in cui arrivano giovani provenienti da diverse culture e da paesi generalmente identificati dalla storia come nemici, è stata quest’anno candidata al Premio Nobel per la Pace. Un importante riconoscimento del lavoro svolto in questi anni nel promuovere una cultura di pace. Qui i giovani possono sperimentare attraverso la convivenza, l’incontro, che la pace è possibile, possono superare il conflitto “scoprendo la persona nel proprio nemico”, per diventarne poi ambasciatori nei loro paesi d’origine.
La Fondazione Baracchi, creata e dedicata a Giuseppe e Adele Baracchi, punto di riferimento culturale al servizio di tutto il Casentino, compie quest’anno 20 anni. Proprio nel 2015 che ha visto la scomparsa di Giuseppe e Adele.

Il 12 dicembre sarà quindi un pomeriggio di incontri, testimonianze e musica per incrociare le traiettorie di queste tre realtà impegnate per la pace e la solidarietà: la colomba, che accompagna il cammino della Fraternità di Romena e la rondine, simbolo della omonima Cittadella della Pace, voleranno insieme per testimoniare che è la speranza a dare le ali a ogni cammino di vita.
Questo incontro a più voci ha anche una valenza fortemente simbolica: nel corso della sua attività, iniziata nel 1995, la Fondazione Baracchi ha  accompagnato e promosso tante realtà sociali e culturali della nostra terra,  con una attenzione particolare  proprio a Rondine e Romena che, ognuna a modo proprio, sostengono la crescita di ogni uomo.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

L’incontro “Voli di speranza” metterà insieme persone, immagini, testimonianze artistiche e musicali di tutte queste realtà per comporre un pomeriggio stimolante e festoso.
Nel corso dell’incontro, cui naturalmente parteciperanno i responsabili della Fraternità di Romena, Don Luigi Verdi, e di Rondine Cittadella della Pace, Franco Vaccari, verrà presentata la testimonianza-spettacolo “Dissonanze in accordo” con la partecipazione degli studenti della Cittadella della Pace e dell’orchestra Ensemble di Rondine.
L’ingresso a “Voli di speranza” è, naturalmente, libero.

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

#maipiùstragi, oggi c’è la grande manifestazione contro la ‘ndrangheta – #555

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

|

Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

|

Da giornalista di moda a giardiniera: la nuova vita di Laura Bianchi

|

24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

|

L’agricoltura Permarigenerativa: quando la permacultura incontra le agricolture rigenerative – Meme #40

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo