8 Gen 2016

“Aggiungi un nonno a tavola”: perché adottare un cane anziano

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Anche se i nonnini a quattro zampe hanno i baffetti e le sopracciglia bianche, qualche dente mancante, poca voglia di correre e lo sguardo malinconico meritano lo stesso l’opportunità di una vita migliore! A incentivare le adozioni dei cani anziani, la campagna “Aggiungi un nonno a tavola” della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, in collaborazione con SANYpet-Forza 10.

Nella nostra vita, prima o poi, facciamo entrare un cane, perché ci sentiamo pronti per condividere il nostro tempo e spazio con lui, perché sono i bambini a richiederlo o semplicemente perché rimasti soli per i più svariati motivi, il ticchettio del tempo che scorre assume un altro ritmo se vicino a noi c’è un compagno a quattro zampe. E quando arriva il desiderio di accoglierlo in casa, il primo passo da fare è quello di recarsi presso un canile. Mai acquistare un cane o un altro animale in un negozio, in un allevamento o da privati: la loro vita non ha prezzo!

 

1470637_Cane-anziano_thumb_big

Acquistare un animale significa negare la possibilità a un altro di uscire dall’infinita prigionia del canile. Arrivati a destinazione non sarà facile “scegliere”: dalle gabbie tanti occhietti spenti e tristi si illumineranno ogni volta che ci avvicineremo alle sbarre fino a quando lo sguardo di uno di loro catturerà la nostra attenzione, diventando un membro della nostra famiglia a tutti gli effetti. Sarà inevitabile, dopo aver fatto la “scelta”, uscire da quel luogo senza essere posseduti da sentimenti contrastanti: gioia e tristezza, serenità e rabbia, felicità e angoscia. Abbiamo, finalmente, tra le nostre braccia il cucciolo desiderato e, allo stesso tempo, siamo costretti a voltare le spalle a tutti gli altri cani, che persa la speranza, torneranno a raggomitolarsi tra vecchie coperte, in attesa di…

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Se per i cani cuccioli è decisamente più facile, perché è noto che i piccoli di qualsiasi specie riescono a intenerire e strappare sorrisi anche ai cuori più ostici, per i cani anziani con baffi e sopracciglia bianche, qualche dente sparso nella bocca, gli arti tremanti e stanchi, lo sguardo triste e malinconico, il pelo arruffato e opaco, è assai difficile avere qualche speranza di uscire dal quel luogo chiamato canile, che ha segnato i loro occhi, i loro corpi e il loro carattere.

 

cane-anziano

 

Eppure i cani anziani possono darci tanto e meritano davvero di passare gli ultimi anni della loro vita coccolati da una famiglia, di dormire su una cuccia soffice e calda che possa fargli dimenticare gli anni passati sul cemento umido e freddo. Un cucciolo non è meno esigente di un cane anziano, anzi, e, con le dovute attenzioni e accortezze, anche quest’ultimo potrà vivere felice gli ultimi anni della sua vita, regalandoci sguardi e gesti di assoluta gratitudine. Il velo bianco sceso sulle sue palpebre non riuscirà a celare l’amore che traspare dall’immensità dei suoi occhi così come il poco equilibrio e la stanchezza non fermeranno la sua coda scodinzolante tra gli arti traballanti ogni volta che torneremo a casa.

 

Se vogliamo davvero fare un gesto nobile, adottiamo un cane anziano. Ci sono addirittura siti specializzati  oppure eventi o campagne ad essi dedicate. Da dicembre, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane,   in collaborazione con SANYpet-Forza 10, ha lanciato per il terzo anno consecutivo: “Aggiungi un nonno a tavola”. Ogni persona ritenuta idonea che adotterà, entro gennaio, un animale in età avanzata (a partire dai sette anni in su) da uno dei rifugi gestiti dall’associazione, riceverà fornitura di cibo, a vita, dall’azienda produttrice di mangimi per animali. Un aiuto concreto e prezioso che potrebbe incentivare la richiesta dei nonnini, difficilmente adottabili, ma capaci ancora di riservarci un mondo di affetto.

 

 

Articoli simili
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso
Cosa fare se si incontra un uccellino in difficoltà? Un vademecum per il primo soccorso

Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo
Arriva l’assistente ai lupi, per una migliore coesistenza uomo-lupo

La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari
La Collina dei Conigli: il centro di recupero di animali da laboratorio cerca nuovi volontari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La nuova Costituzione “dal basso” cilena è pronta! – #552

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne

|

Sikanamente, il gruppo di ragazzi che sono tornati nel borgo d’origine per farlo rivivere

|

Stop alle armi nucleari: Etica Sgr lancia un manifesto per proporre il disinvestimento finanziario

|

“Siccità è crisi climatica”: la protesta degli attivisti di Extinction Rebellion contro le scelte della politica

|

Il Fuoco, l’elemento sacro di consapevolezza per sé stessi e per il mondo

|

Ecoistituto Siciliano, valorizzare il territorio e le comunità locali attraverso la cultura della sostenibilità