8 Gen 2016

“Aggiungi un nonno a tavola”: perché adottare un cane anziano

Scritto da: Tamara Mastroiaco

Anche se i nonnini a quattro zampe hanno i baffetti e le sopracciglia bianche, qualche dente mancante, poca voglia di correre e lo sguardo malinconico meritano lo stesso l’opportunità di una vita migliore! A incentivare le adozioni dei cani anziani, la campagna “Aggiungi un nonno a tavola” della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, in collaborazione con SANYpet-Forza 10.

Nella nostra vita, prima o poi, facciamo entrare un cane, perché ci sentiamo pronti per condividere il nostro tempo e spazio con lui, perché sono i bambini a richiederlo o semplicemente perché rimasti soli per i più svariati motivi, il ticchettio del tempo che scorre assume un altro ritmo se vicino a noi c’è un compagno a quattro zampe. E quando arriva il desiderio di accoglierlo in casa, il primo passo da fare è quello di recarsi presso un canile. Mai acquistare un cane o un altro animale in un negozio, in un allevamento o da privati: la loro vita non ha prezzo!

 

1470637_Cane-anziano_thumb_big

Acquistare un animale significa negare la possibilità a un altro di uscire dall’infinita prigionia del canile. Arrivati a destinazione non sarà facile “scegliere”: dalle gabbie tanti occhietti spenti e tristi si illumineranno ogni volta che ci avvicineremo alle sbarre fino a quando lo sguardo di uno di loro catturerà la nostra attenzione, diventando un membro della nostra famiglia a tutti gli effetti. Sarà inevitabile, dopo aver fatto la “scelta”, uscire da quel luogo senza essere posseduti da sentimenti contrastanti: gioia e tristezza, serenità e rabbia, felicità e angoscia. Abbiamo, finalmente, tra le nostre braccia il cucciolo desiderato e, allo stesso tempo, siamo costretti a voltare le spalle a tutti gli altri cani, che persa la speranza, torneranno a raggomitolarsi tra vecchie coperte, in attesa di…

Se per i cani cuccioli è decisamente più facile, perché è noto che i piccoli di qualsiasi specie riescono a intenerire e strappare sorrisi anche ai cuori più ostici, per i cani anziani con baffi e sopracciglia bianche, qualche dente sparso nella bocca, gli arti tremanti e stanchi, lo sguardo triste e malinconico, il pelo arruffato e opaco, è assai difficile avere qualche speranza di uscire dal quel luogo chiamato canile, che ha segnato i loro occhi, i loro corpi e il loro carattere.

 

cane-anziano

 

Eppure i cani anziani possono darci tanto e meritano davvero di passare gli ultimi anni della loro vita coccolati da una famiglia, di dormire su una cuccia soffice e calda che possa fargli dimenticare gli anni passati sul cemento umido e freddo. Un cucciolo non è meno esigente di un cane anziano, anzi, e, con le dovute attenzioni e accortezze, anche quest’ultimo potrà vivere felice gli ultimi anni della sua vita, regalandoci sguardi e gesti di assoluta gratitudine. Il velo bianco sceso sulle sue palpebre non riuscirà a celare l’amore che traspare dall’immensità dei suoi occhi così come il poco equilibrio e la stanchezza non fermeranno la sua coda scodinzolante tra gli arti traballanti ogni volta che torneremo a casa.

 

Se vogliamo davvero fare un gesto nobile, adottiamo un cane anziano. Ci sono addirittura siti specializzati  oppure eventi o campagne ad essi dedicate. Da dicembre, la Lega Nazionale per la Difesa del Cane,   in collaborazione con SANYpet-Forza 10, ha lanciato per il terzo anno consecutivo: “Aggiungi un nonno a tavola”. Ogni persona ritenuta idonea che adotterà, entro gennaio, un animale in età avanzata (a partire dai sette anni in su) da uno dei rifugi gestiti dall’associazione, riceverà fornitura di cibo, a vita, dall’azienda produttrice di mangimi per animali. Un aiuto concreto e prezioso che potrebbe incentivare la richiesta dei nonnini, difficilmente adottabili, ma capaci ancora di riservarci un mondo di affetto.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti
Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

Sciame, un collettivo al femminile per la salvaguardia delle api e la tutela dell’ambiente
Sciame, un collettivo al femminile per la salvaguardia delle api e la tutela dell’ambiente

Attenti al lupo? Prima di averne paura impariamo a conoscerlo
Attenti al lupo? Prima di averne paura impariamo a conoscerlo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Manovre a confronto: in Spagna si tassano le banche – #628

|

Democrazia in crisi: quali sono le alternative, ammesso che esistano?

|

Sostenere i ragazzi con disabilità intellettiva verso l’autonomia abitativa: un progetto che vale un sogno

|

Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente

|

Parlami dentro. Anche una lettera può alleviare la solitudine di chi è detenuto

|

Basta una Zampa: dopo il Covid i “dottori a quattro zampe” tornano a portare sollievo ai piccoli pazienti

|

GivingTuesday, oggi in oltre 80 paesi si celebra il “martedì del dare”

|

Circ’Opificio: disciplina, impegno e condivisione arrivano nei quartieri più emarginati grazie alle arti circensi