18 Ago 2016

La Memoria in Piazza sulle orme della Resistenza

Scritto da: Daniela Bartolini

Si conclude questa sera a Moggiona il ciclo di proiezioni pubbliche accompagnate da voci di esperti, visite guidate e momenti di dimostrazione promosse dall'Ecomuseo del Casentino e dalla Banca della Memoria di Poppi.

Il patrimonio siamo noi! E’ questo il sottotitolo di “La Memoria in Piazza”, a ricordare l’importanza della cultura orale e materiale, di quella cultura che accomuna e fa una comunità e che non si contiene dentro alle mura di un classico museo. Il patrimonio sono le persone, le loro storie che contribuiscono alla Storia con la “s” maiuscola, saperi, manualità, memoria.

L’Unione dei Comuni Montani del Casentino attraverso l’EcoMuseo e la Mediateca del Casentino, ha avviato da anni un percorso di ricerca e raccolta di testimonianze audiovisive effettuate nell’ambito del progetto La Banca della Memoria nel territorio della prima valle dell’Arno in collaborazione con gli abitanti e le associazioni.

“La Memoria in Piazza” è stata pensata per creare, come già effettuato nel passato, momenti di “restituzione” del materiale video realizzato attraverso una serie di proiezioni pubbliche in corrispondenza di alcuni paesi della Valle. Sette incontri tematici in cui ai video sono state affiancate anche le voci di esperti, visite guidate e momenti di dimostrazione che si concludono questa sera, giovedì 18 agosto, alle 21,15 a Moggiona.

Memorie di guerra – testimonianze dal paese di Moggiona è il titolo della serata, dedicata al ricordo della strage del 7 settembre 1944, che costò la vita a 18 civili, e comprende anche una visita guidata alla Mostra Permanente sulla Guerra e la Resistenza di Moggiona, con introduzione a cura dello storico Luca Grisolini. L’iniziativa si svolge in collaborazione con la Pro Loco di Moggiona ed il Comune di Poppi.

In anteprima sarà presentata la ricostruzione dei giorni che precedono la strage del 7 settembre 1944 a Moggiona, con i ricordi dei testimoni diretti Angiolina Alberti, Teresa Fabbri, Marisa Sampaoli, Aurelio Ceccherini, Leonarda Pecorini, Natale Cipriani e Giuseppe Salvi.
Il documentario presentato ripercorre invece le vicende dello sfollamento, della deportazione e dell’eccidio. Racconti dolorosi che non hanno nessuna velleità di tipo storico ma vogliono essere un piccolo tributo al mantenimento della memoria.

Articoli simili
Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial
Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

“La realtà è più avanti”: Daniel Tarozzi porta a teatro l'Italia che cambia

Michelangelo Lacagnina: l'arte, la Sicilia e il quotidiano – Meme #13

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone

|

50 proposte per decementificare e rigenerare la natura in 24 città italiane

|

Banca dei semi, educazione alimentare e consegne ecologiche: quando un orto è molto più di un orto

|

Calabria che cambia: il primo incontro per cambiare insieme l’immaginario di questa terra

|

Porto di Genova: “Staremo qui finché non otterremo quello che ci spetta”

|

Persefone di ieri e di oggi… storie di miti moderni