15 Set 2016

Arte in mezzo alla natura: il Parco di Sculture diventa permanente

Scritto da: Redazione

Il Parco di Sculture rimarrà aperto tutto l'anno! Si tratta di un luogo magico in cui è possibile ammirare capolavori dell'arte camminando immersi nella natura, un vero museo a cielo aperto. L'annuncio viene dato dalla Casa degli Artisti, che cura il parco, in occasione dell'evento conclusivo della festa Land Art al Furlo, che si terrà domenica 18 settembre.

Si conclude domenica 18 settembre, a Sant’Anna del Furlo, la VII edizione della Land Art al Furlo, la festa dell’arte sotto il cielo promossa dalla Casa degli Artisti con vari patrocini, che ha visto anche quest’anno una grandissima partecipazione di pubblico. “Quando si entra in questo luogo magico – evidenzia il presidente della Provincia Daniele Tagliolini – si rimane stupiti per tanta bellezza, per il paesaggio del Furlo e per le opere nel Parco. Queste sono realtà che fanno bene alla cultura e al territorio”.

 

furlo1

E una buona notizia viene dal presidente della “Casa degli Artisti” Antonio Sorace e dalla socia fondatrice Andreina De Tomassi. “Il Parco di sculture rimarrà aperto tutto l’anno, pronto ad accogliere visitatori, artisti, appassionati che vogliano sperimentare rari momenti di natura e arte. La Casa degli Artisti ha infatti deciso che la ‘Riserva d’Arte contemporanea’ sarà sempre aperta, dalle 10 alle 18, con ingresso libero, naturalmente a piedi. Consideriamo questa collezione sotto il cielo un patrimonio collettivo e ci riteniamo solo custodi della bellezza. Siamo felici di tanto interesse per la nostra iniziativa e dell’allegra partecipazione. Grazie a tutti!”.

 

PROGRAMMA 18 SETTEMBRE – La giornata di domenica 18 settembre sarà ricca di iniziative. Alle 16 “Andando con brio”, visita guidata, a cura di Elvio Moretti e Andreina De Tomassi, ai Totem e alle opere sotto il cielo del Parco di Sculture che dalla prossima edizione diventerà “Riserva d’arte contemporanea”. Alle ore 17, spazio a “Focus Donna/Arte”: la storica e critica d’arte, Elena Gradini, partendo dal libro “Artiste della Critica” di Monica Pozzati (Corraini Edizioni), perlustra il mondo della critica d’arte italiana. Intervengono la critica e curatrice d’arte Cecilia Casadei in “L’altra metà dell’arte” e Andreina De Tomassi in “L’ondata rosa”.

 

furlo2

 

Alle ore 18, incontro con il docente di Storia dell’Arte e operatore culturale Nino Finauri in un excursus sul “Totem e l’arte in verticale”. Da non perdere anche il concerto di chiusura, alle ore 19, in anteprima nazionale, “L’Onda. Storie Italiane di uomini e chitarre”, presentato da Alex Savelli, con i musicisti Marco Vinicio Bazzotti e Antonio Stragapede. Un concerto che ha riscosso l’apprezzamento di Francesco Guccini che ne firma la prefazione e dice nell’intervista: “…è una proposta per intenditori, per una nicchia di appassionati… è un lavoro di archeologia musicale di grande interesse…è un documento importante..”.

 

In caso di maltempo le iniziative si terranno all’interno della Casa degli Artisti. Per maggiori informazioni potete contattare la Casa Degli Artisti – Residenza Creativa, Sant’Anna del Furlo 39, Fossombrone (PU),  Andreina De Tomassi (342 3738966); casartisti@gmail.com, www.landartalfurlo.it.

 

Articoli simili
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia
Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli
Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili
Corto e Fieno, il cinema che racconta il mondo rurale tra ville, stalle e fienili

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale