13 Dic 2016

Pievi e Castelli in musica, Winter edition

Scritto da: Daniela Bartolini

Pievi e Castelli in Musica, lo storico festival che da quasi 30 anni anima le estati del Casentino, propone per la prima volta un’edizione speciale, una versione invernaledal 16 al 18 dicembre. Paolo Benvegnù in versione acustica, Mouse Trap, giovani musicisti e antiche tradizioni. Come sempre in luoghi evocativi del Casentino.

“In attesa della trentesima edizione che si svolgerà nel 2017, abbiamo voluto regalare al pubblico che da anni ci segue, un’edizione speciale. Mantenendo la collocazione naturale e storica degli eventi musicali, cioè le Pievi e i Castelli del Casentino, abbiamo pensato di proporre tre spettacoli diversi tra loro che recuperano e valorizzano esperienze musicali che hanno origine nel nostro territorio.”
È così che gli organizzatori presentano la Winter Edition di Pievi e Castelli in Musica che da venerdì 16 andrà in scena partendo dal castello simbolo del Casentino, quello dei Conti Guidi a Poppi. Nel bellissimo ed antichissimo salone delle feste si esibirà Paolo Benvegnù in versione acustica. La storia musicale di Paolo Benvegnù si lega al Casentino attraverso l’amicizia e la collaborazione artistica con Massimo Fantoni e gli Otto’p’notri. Eccezionalmente Massimo Fantoni suonerà insieme all’amico riproponendo alcuni brani del loro repertorio. Aprirà la serata la giovane cantautrice casentinese Benedetta Giorgi.

Sabato 17 dicembre il festival si sposterà a Montemignaio con un percorso storico e culturale che abbraccia l’intera comunità, che dalla Pieve si snoda per le vie del paese per rappresentare una “questua itinerante” che porta con sé l’augurio di un anno migliore. L’Associazione musicale La Leggera in collaborazione con gli abitanti di Montemignaio rappresenteranno le tradizioni rituali del passaggio al nuovo anno.
Un’evento all’interno di “A cosa servono i Vecchioni?”, momento di riflessione, confronto e festa sul senso oggi delle antiche ritualità del passaggio al nuovo anno.

La conclusione di questa edizione, domenica 18 dicembre, sarà nel nuovo Auditorium Berrettarossa, nella  ex “Chiesa vecchia” di Soci. Un luogo storico sapientemente ristrutturato e valorizzato per esibizioni artistiche e musicali. Un trio speciale, i MouseTrap, chiuderà questo breve ma intenso programma invernale. Francesco Moneti, Massimo Giuntini e Fabio Roveri, versatili e poliedrici musicisti, metafora per rappresentare anche l’integrazione delle diverse dimensioni della personalità dei tre artisti e delle loro sonorità. Apre la serata la giovane interprete e musicista Carolina Goretti.

Gli spettacoli sono ad ingresso libero e gratuito. Per informazioni tel. 0575-507269-275.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ti è piaciuto questo contenuto? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5