6 Dic 2016

Un’altra scuola è possibile!

Il gruppo degli Agenti del Cambiamento dell'Emilia Romagna ha organizzato l'incontro "Un'altra scuola è possibile", con l'obiettivo di presentare un modello educativo nuovo, fondato sul rapporto con la natura, sulla libertà d'espressione dei bambini, sulla creatività e sull'apprendimento ludico. Ne abbiamo parlato con persone che quotidianamente lavorano per costruire e diffondere questo modello.

Si è tenuto venerdì scorso nella splendida cornice di Dynamo, la velostazione di Bologna, l’incontro organizzato dal gruppo degli Agenti del Cambiamento dell’Emilia Romagna in cui i rappresentanti di alcune delle più innovative esperienze educative italiane ci hanno raccontato ciò che fanno per cambiare il mondo dell’educazione, dimostrandoci che un’altra scuola è possibile!

IMG_20161202_183333

Venivamo da settimane che hanno visto il nucleo più operativo degli agenti emiliano romagnoli davvero impegnato e concentrato sull’organizzazione di questo evento. Un incontro che Italia Che Cambia ha intenzione di replicare anche in futuro, affrontando anche altre tematiche fra quelle già sviscerate dalla Visione2040. Molti altri gruppi di Agenti in tutta Italia fremono per replicare la bella iniziativa di venerdì scorso!

 

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Con la formula veloce e dinamica del talk show, sei ospiti presenti – di cui uno collegato via skype – hanno seguito la traccia già proposta nel documento di Visione2040 per capire come cambiare il modello educativo che abbiamo oggi in Italia. Sono partiti scattando una fotografia della situazione attuale, hanno spiegato qual è la loro visione della scuola futura e, infine, hanno indicato le azioni concrete che stanno attuando per raggiungere questa visione, arricchendola con un invito all’azione rivolto a tutti coloro che la condividono.

IMG_20161202_204122

Simona Pavesi, del Centro Nonviolenza Attiva di Milano, ha raccontato la sua esperienza ben consolidata all’interno delle scuole, tracciando un quadro incoraggiante anche sull’aspetto delle collaborazioni con le istituzioni. Michele Dotti, educ-attore, ci ha riportati al significato originale della parola educare – dal latino ex-ducere, tirare fuori – per ribaltare la prospettiva attuale in cui spesso l’insegnamento fa l’esatto opposto, inculcando nozioni nella mente dei ragazzi invece di valorizzare le loro peculiarità.

 

In linea con questa visione è anche quella di Katia Prati, dell’ecovillaggio Tempo di Vivere, che ha raccontato l’esperienza di un-schooling – ovvero de-scolarizzazione – di suo figlio Pietro, che non frequenta più la scuola e viene educato attraverso l’istruzione parentale. Anche Micaela Pennica ha portato la sua esperienza di mamma, inserita nel contesto di scuola libertaria portato avanti dai Prataioli, organizzazione modenese che ribalta i paradigmi educativi ponendo in primo piano la libertà di espressione e coinvolgendo tutti – insegnanti, alunni, genitori – nel percorso formativo.

 

Benedetta Cuccuini ha raccontato l’ormai celebre esperienza dell’Asilo nel Bosco dal punto di vista della comunità di Ontignano, vicino Firenze, da sempre molto fertile in termini di innovazione in campo di iniziative civiche e ambientali, dove hanno germogliato i primi semi dell’Asilo nel Bosco e dove è partita la prima esperienza di Elementari nel Bosco. Collegato via skype, Simone Piazza ha invece condiviso la sua lunga esperienza nei contesti educativi più variegati, sempre comunque alla ricerca di un dialogo e di possibili integrazioni fra i vari approcci educativi, senza innalzare barricate ma cooperando.

IMG-20161206-WA0002

Dopo il “talk show”, ci siamo spostati nel bar di Dynamo per continuare la conversazione informalmente, scambiarci pareri, consigli e contatti, in modo che dalla teoria si possa passare alla pratica, senza dimenticare che il cambiamento è un percorso comunitario che tocca tutti noi e a cui ciascuno può e deve partecipare secondo le sue possibilità. È proprio questo ciò che fanno coloro che hanno aderito alla campagna dell’1% di Italia Che Cambia! Se vi sentite pronti a fare questo passo diventando anche voi Agenti del Cambiamento, bastano pochi clic e potrete cominciare a trasformare la vostra vita e quella di chi vi sta intorno!

 

Hanno partecipato all’incontro Un’altra scuola è possibile:

 

Michele Dotti – Educ-attore

Simona Pavesi – Centro Nonviolenza Attiva

Simone Piazza – Educatore

Katia Prati – Ecovillaggio Tempo di Vivere

Micaela Pennica– I Prataioli

Benedetta Cuccini – Asilo nel Bosco Ontignano

 

Ai link inseriti nel testo potrete trovare le loro schede con tutti i recapiti per contattarli!

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale

Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura
Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne