27 Gen 2017

Volontariato nelle zone del sisma e della neve

Scritto da: Daniela Bartolini

Diario della squadra della Misericordia di Chitignano, per tre giorni nel teramano.

Una squadra di tre volontari facenti parte del gruppo di protezione civile
della Misericordia di Chitignano
, ha operato per tre giorni nelle zone abruzzesi teatro della tempesta di neve e delle scosse telluriche che purtroppo hanno seminato ancora distruzione e morte in Centro Italia. La squadra casentinese era composta da Matteo Lazzerini, Manuel Nassini e Lucio Valeri, tutti abitanti a Chitignano. “Sono partiti venerdì ore 12 direzione L’Aquila – ci hanno detto i responsabili della Misericordia di Chitignano – sotto il coordinamento del dipartimento della protezione civile nazionale. A disposizione dei tre volontari il 4×4 Suzuki con carrello trasporto a rimorchio dotato di varie attrezzature per il soccorso”.

Il primo intervento è stato effettuato nel comune di Fano Adriano per emergenza sisma/neve: “C’erano persone isolate da giorni e senza corrente – spiegano i volontari – ed abbiamo lavorato per 7 ore, con muri di neve laterali oltre i 2 mt e situazione viaria molto fragile visto il rischio continuo di valanghe e frane. Con il Sindaco ci siamo subito attivati per il trasporto di 4 persone anziane e portato assistenza ad altra famiglia residente all’interno del centro storico. Poi il Coordinamento ha disposto il nostro trasferimento verso la cittadina di Atri, Comune rimasto isolato per giorni a causa di una fortissima nevicata abbattutasi nella zona che ha creato grossissimi problemi di ogni genere tra crolli di tetti e tensostrutture, stalle, frane su strade, piante che hanno ostruito le vie di accesso alo stesso capoluogo. Siamo intervenuti liberando le strade e facendo ricognizione di ogni problematica, affiancati alla sezione Alpini del capoluogo che dirigeva insieme al comune l’emergenza”.

Una situazione veramente difficile da descrivere e “di fronte a tragedie così grandi – puntualizzano i tre giovani volontari della Misericordia – si prova da un lato un grande senso di impotenza che si accomuna però alla voglia di reagire unito ad un senso di solidarietà che aumenta di ora in ora a stretto contatto con questa gente che ha bisogno proprio di tutto e sta vivendo eccezionale e del tutto immaginabili”.

“Un’esperienza unica dal punto di vista umano – tengono a sottolineare – e cogliamo l’occasione per ringraziare la sede di Atri dell’Associazione Nazionale Alpini e lo stesso Comune di Atri per la grande collaborazione ed immensa ospitalità durante il nostro intervento”- Da ricordare che il gruppo di protezione civile della stessa Misericordia di Chitignano, oltre ad aver messo a disposizione un contributo in denaro tramite la Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia, si era già attivato dal 30 ottobre al 2 novembre dello scorso anno operando nella zona di Camerino, anch’essa colpita dal terremoto che non lascia tregua ormai da agosto alle regioni del centro Italia.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5