20 Mar 2017

Banca della Terra: anche il Trentino avvia il ripristino dei terreni incolti e abbandonati

Scritto da: Laura Pavesi

Recuperare terreni incolti o abbandonati mettendoli a disposizione dei giovani che vogliono avviare un'attività agricola. È questa la finalità della Banca della Terra, un progetto già adottato da quattro regioni italiane, che da oggi sarà attivo anche in Trentino.

La Giunta provinciale della Provincia autonoma di Trento ha approvato l’istituzione della Banca della Terra, cioè il censimento di terreni pubblici e privati incolti che i proprietari mettono a disposizione di chiunque desideri rimetterli in produzione. Dopo Toscana, Lombardia, Sicilia e Liguria, anche il Trentino aderisce a questa iniziativa che ha la finalità di contrastare l’abbandono dei terreni e delle produzioni agricole e di favorire il ricambio generazionale in agricoltura. Il progetto, infatti, offre anche ai giovani aspiranti agricoltori che non sono “figli d’arte” e che non hanno fondi di proprietà di poter reperire terreni da coltivare.

bancaterra1Per “terreni agricoli abbandonati o incolti” – come specificato nei criteri e modalità di costituzione e funzionamento della Banca della Terra trentina – si intendono le aree di neo-colonizzazione da parte della vegetazione forestale, su cui l’attività di sfalcio, pascolo o coltivazione è documentabile negli ultimi dieci anni, e tutti i terreni incolti suscettibili di coltivazione che non siano stati destinati ad uso produttivo da almeno tre annate agrarie e che siano dichiarati disponibili dai proprietari per il ripristino dell’uso agricolo, come spiegato in questo documento.

 

I Comuni trentini hanno il compito di effettuare un censimento dei terreni abbandonati o incolti e delle aree forestali da riportare all’uso agricolo presenti sul proprio territorio e sollecitare i proprietari – sia pubblici che privati – a inserirli tali fondi nella Banca della Terra e metterli a disposizione di chi desideri ripristinarli all’uso agricolo. Chi vuole coltivare i terreni inseriti nella Banca della Terra, da parte sua, può prendere liberamente visione dell’elenco dei terreni e rivolgersi al Comune competente chiedendo i dati anagrafici del proprietario del terreno a cui è interessato, al fine di un avviare una trattativa diretta. Nel caso di terreni di proprietà pubblica la Banca della Terra trentina prevede che i contratti di affitto siano stipulati nel rispetto della vigente normativa provinciale, mentre nel caso di terreni privati i contratti saranno ai sensi della Legge 203/1982.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

 

«La finalità di questo strumento – ha spiegato Michele Dallapiccola, Assessore all’agricoltura del Trentino – come previsto dalla Legge Provinciale 15/2015 per il governo del territorio, è quella di contemperare fenomeni di abbandono e mancata coltivazione dei terreni con l’esigenza di facilitare l’avviamento di nuove imprese agricole, con un conseguente ricambio generazionale o il consolidamento delle imprese agricole già esistenti. È un’opportunità per molti giovani che, pur non essendo figli di agricoltori, intendono dedicarsi all’agricoltura o all’allevamento».

 bancaterra3

La Banca della Terra, che è gestita tramite i servizi provinciali competenti in materia di agricoltura, può essere uno strumento prezioso di presidio e salvaguardia dei territori destinato ad attirare l’attenzione verso aree che spesso sono trascurate. E, nel contempo, potrà dare la possibilità ai giovani che hanno intenzione di dedicarsi all’agricoltura di reperire terreni disponibili, anche se questi non provengono da famiglie di agricoltori o non hanno terreni in proprietà.

 

«Il provvedimento – ha puntualizzato Dallapiccola – genera una sorta di anagrafe/banca dati dei terreni pubblici e privati e, nel secondo caso, prevede che il privato metta a disposizione i propri terreni ad altri coltivatori secondo una libera contrattazione tra le parti. Si tratta di uno strumento volontario fatto su base dichiarativa da parte del privato. I terreni confluiranno nella Banca della Terra e il capofila della raccolta dati sarà il Comune territorialmente competente. I vantaggi per i privati che vorranno mettere a disposizione i propri terreni incolti iscrivendoli alla Banca della terra sono due in particolare: in primo luogo, quello di essere inseriti in un canale pubblicitario di informazione e sensibilizzazione da parte del pubblico e, in secondo luogo, quello di avere la garanzia che il proprio terreno venga custodito e utilizzato in applicazione delle norme di legge».

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5