Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Apr 2017

Nel cuore di San Salvario l’associazione Opportunanda sostiene le persone in difficoltà

Scritto da: Roberto Vietti

Da più di vent’anni impegnata ad aiutare, reinserire, solidarizzare e creare relazioni con chi vive un grave disagio sociale e in situazione di completa esclusione sociale.

TORINO – Sono in totale ritardo, avevo appuntamento con Patrizia, volontaria dell’associazione Opportunanda, alle 18.
Pensando di arrivare più velocemente, decido di prendere l’auto. Pessima idea, traffico impazzito e nessun posto nella zona. Decido così di parcheggiare a qualche chilometro di distanza dal luogo di incontro e da lì prendo una bicicletta del bikesharing di Torino per raggiungere la meta.

Siamo nel cuore di San Salvario, ed è proprio l’orario dell’aperitivo. Ovunque ragazze e ragazzi si rilassano assaporando uno spritz o una birra nei tanti e piccoli locali del quartiere torinese più in voga degli ultimi anni per la vita notturna. Mi chiedo se mi trovo nel luogo corretto. Osservo una porticina, all’interno del quale non mi sarei mai aspettato di osservare una scena emotivamente tanto forte.

Entro in una stanza e Patrizia, insieme ad un nutrito numero di volontari, stava già servendo la cena. Attorno ai tavoli circa una cinquantina di persone. “Di solito siamo molti di più”, mi dice velocemente mentre passa a portare le pietanze agli ospiti.

Tra i commensali anche i miei zii, amici dell’associazione, che insieme ai responsabili dell’associazione mi spiegano tutto sulla loro attività. Ideatori e creatori del movimento sono Carlo e Gabriella, presenti anche quest’oggi e impegnati, come al solito, nella gestione della cena. Noto che Almerino, autorevole rappresentante di Opportunanda, ha piacere di condividere la sua esperienza e quella di tutto il gruppo. “Il nostro impegno è il sostegno, il reinserimento, la solidarietà e l’amicizia con persone che vivono un grave disagio sociale e in situazione di completa esclusione sociale, in particolare senza dimora”.

CONTINUA LA LETTURA DELL’ARTICOLO SUL BLOG “DAI TERRITORI”

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Il Papa e le coppie omosessuali – Io Non Mi Rassegno #237

|

SPIGA: il forno sociale per la rigenerazione artigiana della periferia

|

I Deplasticati: il gruppo sanremese che libera la città e le spiagge dai rifiuti

|

Il Parlamento europeo condanna i tirocini gratuiti. Una risoluzione storica per gli stagisti

|

La Specie Felice: pensare e praticare la felicità per costruire un futuro di benessere condiviso

|

Orizzontale: gli architetti che rigenerano lo spazio pubblico e creano comunità – Io faccio così #304

|

Vaia, la startup che pianta nuovi alberi nei boschi delle Dolomiti distrutti dalla tempesta

|

Imparare per il futuro: il nostro racconto del viaggio Erasmus verso la sostenibilità