6 Apr 2017

Nel cuore di San Salvario l’associazione Opportunanda sostiene le persone in difficoltà

Scritto da: Roberto Vietti

Da più di vent’anni impegnata ad aiutare, reinserire, solidarizzare e creare relazioni con chi vive un grave disagio sociale e in situazione di completa esclusione sociale.

TORINO – Sono in totale ritardo, avevo appuntamento con Patrizia, volontaria dell’associazione Opportunanda, alle 18.
Pensando di arrivare più velocemente, decido di prendere l’auto. Pessima idea, traffico impazzito e nessun posto nella zona. Decido così di parcheggiare a qualche chilometro di distanza dal luogo di incontro e da lì prendo una bicicletta del bikesharing di Torino per raggiungere la meta.

cuore san salvario associazione opportunanda sostiene persone difficolta 1491465935

Siamo nel cuore di San Salvario, ed è proprio l’orario dell’aperitivo. Ovunque ragazze e ragazzi si rilassano assaporando uno spritz o una birra nei tanti e piccoli locali del quartiere torinese più in voga degli ultimi anni per la vita notturna. Mi chiedo se mi trovo nel luogo corretto. Osservo una porticina, all’interno del quale non mi sarei mai aspettato di osservare una scena emotivamente tanto forte.

Entro in una stanza e Patrizia, insieme ad un nutrito numero di volontari, stava già servendo la cena. Attorno ai tavoli circa una cinquantina di persone. “Di solito siamo molti di più”, mi dice velocemente mentre passa a portare le pietanze agli ospiti.

cuore san salvario associazione opportunanda sostiene persone difficolta 1491465893

Tra i commensali anche i miei zii, amici dell’associazione, che insieme ai responsabili dell’associazione mi spiegano tutto sulla loro attività. Ideatori e creatori del movimento sono Carlo e Gabriella, presenti anche quest’oggi e impegnati, come al solito, nella gestione della cena. Noto che Almerino, autorevole rappresentante di Opportunanda, ha piacere di condividere la sua esperienza e quella di tutto il gruppo. “Il nostro impegno è il sostegno, il reinserimento, la solidarietà e l’amicizia con persone che vivono un grave disagio sociale e in situazione di completa esclusione sociale, in particolare senza dimora”.

CONTINUA LA LETTURA DELL’ARTICOLO SUL BLOG “DAI TERRITORI”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Ha senso il bonus acqua? – Io Non Mi Rassegno #391

|

Nasce il “Muratore di valle” che recupera le borgate alpine

|

Benedetta Altichieri: storia di una relazione tra culture differenti – Amore che Cambia #11

|

La malnutrizione, Sylvie e i suoi piccoli occhi scuri e vuoti

|

Climate Space: arte, cinema e musica per celebrare i 5 elementi naturali

|

L’economista Paolo Collini: serve un Recovery Plan sostenibile e per i giovani

|

Torna il Cammino delle Panchine, per ripartire dopo la pandemia

|

Centro Kratas, un’oasi spirituale ed ecologica tra i monti Sicani