10 Apr 2017

“Dead Zone”: come gli allevamenti intensivi mettono a rischio la biodiversità

Scritto da: Elena Risi

La produzione intensiva di cibo minaccia il 70% della biodiversità terrestre globale. Scenari preoccupanti che possono trovare una svolta positiva solo con un consumo consapevole. A lanciare l'allarme è Philip Lymbery, che ha pubblicato anche in Italia il libro 'Dead Zone'.

Che cos’hanno in comune un elefante asiatico, un falco pellegrino e un giaguaro? Che sono tutte specie animali messe a rischio dalla produzione intensiva degli allevamenti. È questo il tema del nuovo libro inchiesta di Philip Lymbery intitolato “Dead Zone” e edito dalla “Nutrimenti”.

 

Con “Farmaggedon”, bestseller pubblicato nel 2015, l’autore aveva già iniziato ad esplorare le contraddizioni economiche e le conseguenze negative sulla salute arrecate da un sistema agricolo industrializzato. Ora l’indagine prosegue con questo nuovo testo, con l’obiettivo di dimostrare attraverso un avvincente viaggio intorno al mondo come molte specie animali – anche molto diverse tra di loro – e l’intera biodiversità siano minacciate dalle coltivazioni di cereali sempre più estese, utilizzate per nutrire le decine di miliardi di animali allevati ogni anno nel mondo.

factory_chick

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Secondo l’autore per fare questo ogni anno viene disboscata una superficie grande quanto metà dell’Italia. E proprio la distruzione degli habitat naturali sta mettendo a rischio la sopravvivenza di molte specie animali nel mondo, Italia compresa. Un intero capitolo è dedicato infatti ad alcune problematiche riguardanti proprio la biodiversità nel nostro Paese.

 

Non bisogna però pensare a “Dead Zone” come ad un libro catastrofista, anzi. L’autore scrive al pubblico anche per raccontare cosa è possibile fare per invertire la rotta e salvare il pianeta. Philip Lybery è il direttore generale di Compassion in World Farming (CIWF), la maggiore organizzazione internazionale non governativa per la protezione e il benessere degli animali d’allevamento e ha guidato il lavoro dell’organizzazione con oltre settecento aziende alimentari a livello mondiale, migliorando in questo modo le condizioni di vita di milioni di animali d’allevamento.
Un primo appuntamento italiano per conoscere l’autore è stato organizzato per il 24 aprile a Bologna in occasione del Gusto Nudo Festival dove presenterà il suo libro in un dialogo con Giulia Innocenzi.

 

 

Articoli simili
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?
Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?

Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia
Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi