24 Apr 2017

Dall'Italia a Guernica: la Carovana dei Pacifici in marcia per la pace

Scritto da: Redazione

In marcia verso Guernica per portare una testimonianza di pace in occasione dell'ottantesimo anniversario del bombardamento della città basca, rasa al suolo dall’aviazione tedesca e italiana. Partirà domani la Carovana dei Pacifici, iniziativa organizzata ogni anno dalla Rete di Cooperazione Educativa – C’è speranza se accade @ per promuovere i valori della pace e della nonviolenza nelle scuole.

Partirà domani 25 aprile da diverse città d’Italia (Asti; Busto Arsizio; Bari; Padova; Parma; Ravenna) una piccola carovana di donne e uomini pacifici, che porteranno a Guernica, nei Paesi Baschi, una testimonianza di pace.

 

Il 26 aprile, infatti, ricorrerà l’ottantesimo anniversario del bombardamento che, nel 1937, ad opera di squadriglie di aviazione tedesche e italiane, ingaggiate da Francisco Franco, provocò centinaia di morti e feriti, segnando l’inizio di una strategia bellica drammaticamente inedita. In quei giorni si “sperimentò” l’attacco diretto su obiettivi civili, che da allora divenne orrenda prassi delle azioni militari, in evidenza sotto i nostri occhi anche in questi giorni con le notizie e le immagini che ci arrivano dalla Siria.

guer-kyhC--621x414@LiveMint
La Rete di Cooperazione Educativa – C’è speranza se accade @ ha avviato la marcia della Carovana dei Pacifici a partire dal 2 marzo 2015, quando Roberto Papetti, mastro giocattolaio di Ravenna, la propose per la prima volta come laboratorio in occasione del primo anniversario della scomparsa del maestro Mario Lodi. Da allora oltre ottomila bambini e bambine di moltissime scuole italiane hanno lavorato sull’idea di conflitto e sulle possibili modalità nonviolente di superamento dello stesso, disseminando in ogni dove piccole e grandi sagome di Pacifici e pensieri di bambini e bambine e ragazze e ragazzi sulla pace.

 

La testimonianza che verrà portata dalla dozzina di donne e uomini pacifici nei giorni della memoria del bombardamento di Guernica comprenderà un messaggio di fratellanza per il popolo basco e un laboratorio tenuto dallo stesso Roberto Papetti che si terrà ad Astra, ex-fabbrica d’armi riconvertita in centro sociale e culturale della città. Si terranno incontri e laboratori anche al Museo de la Paz di Guernica.

image-1

Nell’occasione di questo viaggio, in un momento così delicato per la pace a livello planetario, la Rete di Cooperazione Educativa – C’è speranza se accade @ ha proposto a scuole, biblioteche, gruppi formali e informali di mettere in calendario da qui al prossimo mese di giugno un momento di riflessione e azione pubblica per le ragioni della pace e della nonviolenza.

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Istruzione, merito, umiliazione… Che futuro per la scuola italiana? – A tu per tu + #3
Istruzione, merito, umiliazione… Che futuro per la scuola italiana? – A tu per tu + #3

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43
Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

Una Preside risponde alla famiglia finlandese: “Credo nella contaminazione fra scuola scandinava e italiana”
Una Preside risponde alla famiglia finlandese: “Credo nella contaminazione fra scuola scandinava e italiana”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il caso Cospito adesso è un problema per il governo – #662

|

Capra Libera Tutti, il santuario che salva gli animali dal mattatoio e diffonde la cultura del rispetto

|

Il nuovo progetto discusso dello Ski Dome a Cesana: una pista da sci anche in estate?

|

Bici&Radici: fiori e biciclette per portare bellezza nella metropoli

|

Ecco il nuovo calendario della RAN, per diffondere sostenibilità attraverso l’agricoltura del non fare

|

“Il Golfo ai poeti”: quali scenari possibili per un territorio militarizzato?

|

Casa Sociale delle Donne, a Catania un luogo di sostegno per chi è vittima di violenza

|

L’Italia è al primo posto in Europa per gli impatti sulla salute delle centrali elettriche a gas