24 Apr 2017

Rifiuti: cala lo smaltimento in discarica, aumenta la differenziata

Scritto da: Elena Risi

Nel 2015 la spazzatura in discarica si è ridotta di 25 chili pro capite rispetto all’anno precedente mentre la raccolta differenziata è salita al 47,5%. Anche la produzione di rifiuti ha registrato un calo. È quanto emerge dal nuovo dossier ISTAT.

È uscito il nuovo dossier statistico ISTAT “Noi Italia: 100 statistiche per capire il Paese in cui viviamo” e i dati diffusi relativi all’ambiente sono positivi, diminuisce infatti il conferimento in discarica e aumenta la raccolta differenziata.

 

Nel 2015 la spazzatura in discarica si è ridotta di 25 chili pro capite rispetto all’anno precedente (registrando una media di 128,7 chili per ogni abitante), mentre la raccolta differenziata è salita al 47,5%. Anche la produzione di rifiuti ha registrato un calo, due chili in meno rispetto all’anno precedente, attestandosi sulla cifra media di 486,2 chili pro capite.

Recycling CTA 720x380

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

A livello territoriale, i risultati migliori nella riduzione di rifiuti conferiti in discarica sono stati osservati nella provincia autonoma di Bolzano, in Lombardia e Friuli-Venezia Giulia. Sulla differenziata l’Istituto di Statistica ha osservato ancora un forte divario tra Nord, Centro e Sud: prime in classifica sono la provincia di Trento e la Regione Veneto, dove si supera il 65%, va male invece la Sicilia che con il 12,8% è ancora molto lontana dagli obiettivi europei.

 

Raggiungendo il 47,5% di differenziata l’Italia ha superato l’obiettivo del 45% previsto dalla normativa nazionale del 2008, mentre a livello Europeo il nostro paese si colloca poco sopra la media sia per la quantità di rifiuti raccolti sia per la quantità di quelli smaltiti in discarica (rispettivamente 474 chili e 132 chili per l’Ue).

 

Per le emissioni di gas serra il nostro Paese è invece sotto la media: per il periodo 2013-2020 l’UE ha l’obiettivo di diminuire del 20% le emissioni collettive rispetto al 1990 e se l’Italia ha ridotto le emissioni del 19,8%; in media in UE la diminuzione complessiva è stata del 24,4%.

 

 

Articoli simili
RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?
RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

Termovalorizzatore a Gioia Tauro: una questione ancora aperta, ma c’è chi dice no
Termovalorizzatore a Gioia Tauro: una questione ancora aperta, ma c’è chi dice no

#GenovaSprecoZero, per combattere gli sprechi alimentari
#GenovaSprecoZero, per combattere gli sprechi alimentari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne