11 Apr 2017

Stand Up for Africa, si presenta il catalogo della mostra

Scritto da: Daniela Bartolini

Oggi a Firenze e domani ad Arezzo sarà presentato il catalogo della mostra nata dal laboratorio che ha coinvolto studenti dell’Accademia di Belle Arti e migranti ospiti in Casentino nella residenza/laboratorio di Hymmo Art Lab a Pratovecchio.

Dopo il grande successo della mostra e del workshop internazionale per giovani artisti, il progetto Stand Up For Africa arriva alla fase conclusiva con le prime presentazioni del catalogo.

Questa mattina alle ore 11 a Firenze, presso l’Accademia delle Belle Arti, la prima presentazione alla quale parteciperanno tutti i partner casentinesi del progetto: Eleonora Ducci in qualità di assessore alla Cultura.Mediateca ed Ecomuseo dell’Unione dei Comuni Montani del Casentino, Serena Stefani vice sindaco di Pratovecchio Stia, Paolo Fabiani e Rossella Del Sere di Hymmo Art Lab, Andrea Rossi, responsabile dell’Ecomuseo del Casentino, Associazione e Pro loco I 3 Confini di Cetica.

Mercoledì 12 aprile ad Arezzo, il catalogo sarà presentato nell’ambito del seminario coordinato dalla Prof.sa Marina Marengo, dal titolo “Le migrazioni contemporanee – casi di studio e testimonianze” presso l’Università.
Il meeting si svolge nell’ambito del progetto del Gruppo di ricerca Dsfuci (Dipartimento di scienze della formazione, scienze umane e della comunicazione interculturale dell’Università di Siena) “Stranieri di carta, stranieri di voce”. Fra gli altri interventi, Patrizia Gabrielli (Università di Siena-Dsfuci), presenta “Lireta Katiaj, Lireta non cede. Diario di una ragazza albanese”, Terre di Mezzo, 2016, con testimonianza diretta della stessa studentessa.
Saranno Andrea Rossi, Paolo Fabiani e Rossella del Sere a presentare qui i risultati del progetto Stand Up For Africa in Casentino e il catalogo. Quindi Michela Badii (Università di Siena-Dsfuci) parlerà sul tema “Professione? “Migrante” – Politiche e pratiche dell’accoglienza: uno sguardo antropologico”. È prevista anche la proiezione del film “Come un uomo sulla Terra” di Andrea Segre.

È inoltre in preparazione un evento speciale per la presentazione del catalogo in Casentino.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Articoli simili
Il Pane di Dante: in Appennino sta succedendo qualcosa!
Il Pane di Dante: in Appennino sta succedendo qualcosa!

La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”
La storia di Lorenza: “Così la ceramica mi ha insegnato a vivere la vita con lentezza”

A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste
A Torino nasce un bosco urbano dedicato alle donne artiste

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Che cos’è la deterrenza informatica? – Io Non Mi Rassegno #389

|

L’Oasi di Camilla, dove gli animali possono trovare nuova vita

|

La rete di comuni che combatte lo spreco istituendo un nuovo Centro del Riuso

|

Leonardo, il diciottenne che si batte contro il bullismo e le disabilità

|

Rifugio Re_Esistente: l’appennino che resiste e rinasce

|

Il silenzio assordante delle scuole di danza durante la pandemia

|

Arrivano i “Custodi del Suolo” che si prendono cura della terra

|

Uno studio svela quante persone muoiono a causa dei cambiamenti climatici