8 Mag 2017

Ecomuseo del Casentino: tutte le iniziative di Primavera!

Scritto da: Daniela Bartolini

Da AmicoMuseo a Cammina la Storia, dal Cantamaggio alle storie di diavoli e santi, lungo i sentieri e in trasferta: la primavera dell'EcoMuseo del Casentino e del circuito Musei ed Ecomusei del Casentino è ricca di eventi!

Proseguono le iniziative di stagione dell’Ecomuseo del Casentino, già questo fine settimana tante le proposte tra storia, tradizione e presente. Sabato 13 maggio l’appuntamento è con il Cantamaggio in Vallesanta e a Badia Prataglia, nuova antenna ecomuseale, con la camminata notturna alla riscoperta delle maestà del paese.

Domenica 14, in occasione della prima edizione del Trail del Pratomagno alle ore 9.30 si parte dall’Ecomuseo del Carbonaio di Cetica in compagnia delle guide della Cooperativa InQuiete degli archeologi dei Laboratori Archeologici San Gallo, sui passi del tempo, tra torrenti, boschi, mulini ad acqua e alcune suggestive testimonianze architettoniche medievali. Alle 11.30 tradizionale accensione della carbonaia e a seguire, su prenotazione, pranzo presso l’Ecomuseo del Carbonaio. Nel pomeriggio si prosegue con la presentazione del progetto “Antiche mani” a cura del regista Alfredo Franco e proiezione dei video riferiti al Mulino dei F.lli Grifoni e alla bottega Fabbrile di Roberto Magni di Pagliericcio.

Per Cammina la Storia, due gli appuntamenti: il 21 maggio “nella collina di Pratovecchio” tra le chiese romaniche rurali di Ama, Valiana e Lonnano e gli scavi di Masseto con lettura del paesaggio e approfondimenti accompagnati da una guida ambientale e uno storico; il 17 giugno “lungo l’Arno” con escursione nell’alto corso dell’Arno, pranzo su prenotazione presso Mulin di Bucchio e presentazione del libro: “Lungo l’Arno. Paesaggi, storie e culture.” di S. Grifoni, ed. Aska.

In ordine cronologico gli altri appuntamenti con gli Ecomusei proseguono il 27 maggio a Talla con un giorno in musica, omaggio a Salvatore Di Gesualdo con con convegno e saggio dei bambini della scuola primaria coinvolti nel progetto “A scuola di musica con Guido Monaco” e degli allievi dell’Associazione Musicale “G.Monaco” di Talla. Il 29 maggio a Castelluccio di Capolona la presentazione del quaderno didattico di Liana Borri: “Magalotto, ricordi di una bambina”.

Il 3 Giugno invece il museo “cammina” in un percorso animato che unisce il Museo Archeologico di Bibbiena alla Raccolta Casa Rossi di Soci lungo il percorso ciclo-pedonale “Buonconte da Montefeltro” con laboratori per famiglie e bambini, incursioni clownesche lettura del paesaggio.

A Raggiolo, l’11 giugno, si terrà il pic nic a Sant’Angelo, con breve escursione da Raggiolo o Quota e ritrovo presso i resti dell’antica chiesa di Sant’Angelo con merenda sull’erbain compagnia della Brigata di Raggiolo e della Pro Loco di Quota.
Altro momento di escursione sulle vie della tradizione, sempre a Raggiolo, il 18 giugno all’Ecomuseo della Castagna con “Sulle tracce dei pastori transumanti” con escursione fino alla “Casetta di Buite” sul Pratomagno, dimostrazione sulla lavorazione tradizionale del latte con preparazione di formaggio, ricotta, scottino e polenta di farina di castagne in compagnia degli anziani pastori transumanti e “pranzo del pastore”.

L’ultimo fine settimana di giugno gli eventi dell’Ecomuseo fanno tappa a Badia Prataglia il 24 giugno con “Storie di diavoli e santi”, escursione nella foresta alla ricerca della “Traccia della Madonna” con letture e aneddoti intorno ai luoghi e alle credenze della tradizione popolare, e al Museo del Bosco della Montagna di Stia per l’incontro ravvicinato con i Conti Guidi e la falconeria, per una incursione insolita nella storica collezione orniotologica “Carlo Beni” con l’archeologo Andrea Biondi.

Gli appuntamenti della Rete Ecomuseale sono anche seminari, scambi, approfondimenti, fuori e dentro il Casentino.
Il 10-11 maggio si terrà il Seminario internazionale di studi “Diversamente migranti. Quegli immigrati del Nord Europa.” con la partecipazione di Françoise Cognard (Università di Clermont-Auvergne), Eralba Cela (Università Politecnica delle Marche), Marina Marengo (Università di Siena-Dsfuci).
Il 20 maggio a Raggiolo si riflette su “i borghi storici di montagna: tra conoscenza e conservazione” partendo dal caso di Raggiolo: un approccio integrato per la conservazione sostenibile dei Borghi Storici, dall’Archeologia alla BioArchitettura, attraverso lo studio geologico ed il consolidamento delle strutture.
Il 3 e 4 giugno l’Ecomuseo del Casentino presenta FestaSaggia all’Ecomuseo della Judicaria di Comano (TN) mentre il 5 giugno sarà a Ravenna per la prima conferenza italiana di public history con l’intervento “Il Ponte nel tempo: paesaggi culturali medievali”. Un progetto di archeologia di comunità presentato da Chiara Molducci (Università di Firenze), Riccardo Bargiacchi (Laboratori Archeologici San-Gallo), Chiara Marcotulli (Università di Firenze), Andrea Rossi (Unione dei Comuni Montani del Casentino- EcoMuseo del Casentino).

L’8 giugno a Poppi si terrà una giornata di incontri e riflessioni con mostra degli elaborati realizzati dagli studenti del corso di Laurea in Design – Dipartimento di Architettura- Università degli Studi di Firenze.

Per tutte le iniziative: Ecomuseo del Casentino.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente