14 Mar 2019

“Festasaggia” alla conquista del territorio nazionale

Scritto da: Daniela Bartolini

Le feste a misura di paesaggio, ideate dall'Ecomuseo del Casentino, si aprono a nuove prospettive. L'idea FestaSaggia piace e sarà sperimentata oltre i confini regionali. Continua così la promozione di buone pratiche, legate alla valorizzazione, promozione e tutela del paesaggio, dei prodotti e del patrimonio culturale, oltre al sostegno di modalità virtuose di riduzione, riciclo e smaltimento dei rifiuti.

L’obiettivo di questa nuova e ambiziosa prospettiva è quello di “essere comunità” non solo internamente alle associazioni ma anche tra associazioni di diverse regioni, costruendo vincoli di progetto che consentano alle persone di conoscersi e di sostenersi fra loro anche al di fuori del proprio territorio.

Eliminare la plastica, valorizzare le produzioni agricole e artigianali ed esaltare le emergenze culturali: sono queste le regole alla base di Festasaggia, che in 11 anni di vita ha conquistato sempre più associazioni impegnate a promuovere e diffondere all’interno dei loro eventi – in particolare sagre e feste paesane – alcune buone pratiche legate alla valorizzazione, promozione e tutela del paesaggio, dei prodotti e del patrimonio culturale.

Festasaggia conquista il territorio nazionale 1552558242

Lo scorso 2 marzo a Premilcuore, nel versante romagnolo del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi si è tenuto il consueto incontro annuale per la consegna degli attestati di merito siglati “Festasaggia” e rilasciati alle associazioni che si sono impegnate nel rispetto delle regole alla base del progetto e che nell’occasione si sono confrontate sulla forma e sul futuro del progetto stesso.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il tema al centro dell’attenzione è stato appunto l’esportazione del progetto in altri contesti del territorio nazionale. “Festasaggia è un esempio virtuoso di valorizzazione dei prodotti delle tradizioni del territorio – ha dichiarato Eleonora Ducci, assessore alle politiche sociali nell’Unione dei Comuni Montani – con una particolare attenzione alla gestione dei rifiuti, un tema di sempre maggiore interesse e importanza che fa la differenza nella tutela dell’ambiente e degli ecosistemi perché i prodotti sono sani e di qualità se anche l’ambiente è sano e pulito”.

Entro il 5 aprile le associazioni di promozione locale presenti in Casentino e nei comuni del Parco possono presentare le loro candidature per il 2019 scaricando il modulo dal sito internet: www.ecomuseo.casentino.toscana.it/festasaggia

L’iniziativa dal 2015 è promossa e supportata dal Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi attraverso il progetto Oltreterra gestito insieme a Slow Food (Toscana ed Emilia Romagna) con il coinvolgimento fattivo delle condotte di Forlì – Appennino Forlivese, del Casentino, Valdisieve e Valdarno Fiorentino. Festasaggia rientra anche tra le progettualità della Carta Europea del Turismo Sostenibile promossa dal Parco stesso.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5