29 Mag 2017

Dalla Radio alla Giornata nazionale dell'Impegno

Scritto da: Redazione

Radio Impegno, la radio notturna nata nella periferia romana di Corviale, compie un anno e festeggia con le 120 associazioni che aderiscono al progetto.

Roma - Radio Impegno, la radio notturna nata a Corviale il 30 maggio 2016 a seguito dell’attentato avvenuto il 13 novembre 2015 al Campo dei Miracoli, compie un anno e istituisce la Giornata Nazionale dell’Impegno.

 

Un traguardo importante e per nulla scontato: 365 notti in cui i microfoni sono rimasti accesi, dalla mezzanotte alle 8 e mezzo del mattino, grazie all’anima di centinaia di associazioni e cittadini che presidiano e fanno vivere il Campo dei Miracoli raccontando quello che di bello costruiscono ogni giorno.

14907635_1808167906126142_6376215344377973103_n

PERCHÉ RADIO IMPEGNO
Era la notte del 13 novembre 2015. Mentre a Parigi i terroristi dell’Isis sparavano sulla folla del Bataclan, a Corviale un uomo dal volto coperto dava fuoco ad un piccolo angolo del Campo dei Miracoli: la casetta della spiritualità, una struttura in legno sorta lì dove prima dormiva un esponente della Banda della Magliana e trasformata in luogo di culto e del dialogo interreligioso.

Il campo andava custodito. La scelta di come farlo sembrava quasi obbligata, mettere un vigilantes h24 che però avrebbe voluto dire chiudersi, in controtendenza con i valori portati avanti da sempre da Calciosociale, l’associazione che ha sede al Campo dei Miracoli.

 

La risposta fu ben diversa e ora di “vigilantes” ce ne sono molti di più: sono 120 le associazioni che si alternano ogni notte ai microfoni di Corviale, più di 500 le persone che con il loro impegno radiofonico hanno lanciato messaggi di speranza, denuncia, solidarietà dimostrando che le cose si possono cambiare grazie all’impegno di ciascuno.

 

Massimo Vallati, Presidente di Calciosociale e tra i promotori di Radio Impegno afferma: “Ci davano tre settimane di vita per questo progetto, una diretta notturna da Corviale con persone e associazioni che si alternano ogni notte per tutta la notte e invece dopo un anno siamo ancora qui, ancora più forti, a raccontare la Roma bella, quella che costruisce per rispondere a chi invece voleva distruggerci”.

 

Il capo della Polizia Franco Gabrielli, ospite della puntata zero di Radio Impegno, andata in onda la notte tra il 29 e il 30 maggio ha affermato: “Se a Corviale è possibile una esperienza così, allora è possibile in tutta la città”. La radio, ha detto, “è uno strumento per amplificare nell’etere la vostra azione e contaminare positivamente le menti, in una società sempre più isolata e chiusa, che vede gli altri come diversi che insidiano il nostro ‘poco’”.

18671224_1914164488859816_3212574975055329045_n

LA GIORNATA NAZIONALE DELL’IMPEGNO
Per il suo primo anniversario Radio Impegno vuole dire grazie a tutti: a chi si è impegnato per un anno e a chi si impegnerà istituendo la giornata nazionale dell’impegno, Nel corso della serata saranno nominati gli Ambasciatori d’Impegno, personalità che si sono distinte attraverso la propria professione nel settore istituzionale, dell’arte, dell’informazione, dello sport e dell’imprenditoria affinché promuovano la mission della Radio.

 

Ogni Ambasciatore resterà in carica un intero anno al termine del quale consegnerà personalmente la maglietta agli Ambasciatori della successiva edizione, in una virtuale staffetta che riflette quella che, di notte in notte, realizzano tutti gli animatori e speaker di Radio Impegno. Nell’ambito dei festeggiamenti saranno consegnati dei Premi Speciali – ‘Maglietta d’oro’, dedicati ad alcuni comuni cittadini che si sono distinti nella vita di tutti i giorni per il proprio ‘impegno’ rappresentando appieno la filosofia della Radio.

 

Le categorie di questo riconoscimento sono: ‘In&Out’, la cultura promossa fuori e dentro le propria casa per contrastare la violenza di genere, il bullismo, il razzismo e ogni forma di discriminazione; ‘Oltre l’istruzione’, il lavoro svolto in ambito scolastico per abbattere disagio e differenze; ‘Aggiungi un posto a tavola’, l’accoglienza che, aprendo le porte e il cuore, contribuisce a salvare vite in pericolo.

 

Per maggiori informazioni sul programma dell’evento clicca qui

 

 

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Basi in Sardegna: storia della servitù militare e dell’attivismo pacifista
Basi in Sardegna: storia della servitù militare e dell’attivismo pacifista

Maricla Pannocchia e la sua scelta di vita: viaggiare e scrivere per far sentire al mondo la voce degli ultimi
Maricla Pannocchia e la sua scelta di vita: viaggiare e scrivere per far sentire al mondo la voce degli ultimi

La storia di PeaceLink, dal giornalismo partecipativo alla prima rete telematica per la pace in Italia – Io Faccio Così #352
La storia di PeaceLink, dal giornalismo partecipativo alla prima rete telematica per la pace in Italia – Io Faccio Così #352

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il problema della siccità non è scomparso – #661

|

Dalla sintesi fra oriente e occidente alla rivoluzione dell’educazione: il futuro secondo Sujith Ravindran – Meme! #43

|

“Ci siamo trasferiti in montagna e ora cerchiamo persone per costituire una cooperativa di comunità”

|

Senza sbarre: un’alternativa al carcere è possibile

|

4 cose da fare se si trova una baby tartaruga marina spiaggiata

|

Stato Bradipo: nell’era della fast fashion, un progetto di moda lenta, etica ed ecologica

|

Associazione vittime dell’uranio impoverito: “Con le esercitazioni Nato in Sardegna è in atto un massacro”

|

Dall’Australia a Mussomeli. Danny McCubbin con The Good Kitchen prepara pasti gratis per chi ne ha bisogno