27 Giu 2017

In una scuola della Sardegna la mensa più verde d'Italia

Scritto da: Elena Risi

È stato assegnato ad una scuola dell'infanzia di Samassi, piccolo centro della Sardegna, il premio “MensaVerde”,  destinato alle mense, pubbliche o private, che hanno mostrato una particolare attenzione alla qualità del cibo e alla riduzione degli impatti ambientali e sociali legati alla gestione della mensa.

Piatti della tradizione sarda, cibi a chilometro zero e prodotti biologici. Un nuovo ristorante? No, stiamo parlando della mensa di una scuola dell’infanzia di Samassi, un piccolo centro del sud-ovest della Sardegna, cui è stato assegnato il premio “MensaVerde”. L’iniziativa riconosce il merito delle ristorazioni pubbliche o private che hanno dimostrato una particolare attenzione alla qualità del cibo, alla riduzione dell’impatto ambientale e al valore sociale del progetto.

 

La mensa della scuola di Samassi non è infatti solo un servizio di ristorazione ma anche un’iniziativa di educazione alimentare. Per insegnare ai bambini a mangiare sano, abituando il palato alle verdure e ad altri prodotti che normalmente i più piccoli tendono a “snobbare”, sono stati avviati orti didattici con una fattoria della zona così che potessero coltivare quello che poi si sarebbero ritrovati nel piatto.

o-HEALTHY-FOOD-KIDS-facebook

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Raggiungere il traguardo della mensa eco-sostenibile è stato possibile prima di tutto grazie alla collaborazione tra i vari attori locali, dal direttore scolastico agli insegnati, dal Comune alla ASL fino ai produttori del luogo. L’impegno dell’amministrazione è stato riassunto dalle parole dell’Assessore all’istruzione, che ha sottolineato come il progetto non abbia rappresentato una spesa economica maggiore. Piuttosto si sono resi necessari operazioni di ricerca approfondite e un impegno concreto per l’organizzazione della “macchina burocratica”, come la redazione di un capitolato rispettoso delle norme compresa quella sul contenimento dei costi.

 

Ma visti i risultati si può dire tranquillamente che l’impegno maggiore è valso proprio la pena. I genitori, coinvolti anche loro nel progetto, si sono detti più che soddisfatti sia per l’esperienza che i loro figli hanno avuto l’opportunità di vivere sia perché loro stessi hanno sentito di imparare qualcosa in più. Anche i protagonisti del progetto si sono detti entusiasti per la buona riuscita dell’iniziativa, con l’auspicio che la loro esperienza possa fare da apripista anche per altre scuole.

 

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La natura a occhi chiusi: ritorna il seminario esperienziale “fotografia interiorista”

Croce Rossa Italiana a Cittadellarte, quando l’arte e la bellezza sono la cura

I funghi: futuri protagonisti delle bonifiche ambientali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Condannati ad estinguerci (ma è davvero così?) – #424

|

Al via le proteste di Extinction Rebellion Italia per chiedere giustizia climatica

|

A testa alta: “Vaccini e green-pass qual è la verità?” Un appello al mondo della scuola

|

#59 – Sant’Anna di Valdieri: il borgo recuperato dalle donne che credono nella montagna

|

Viviamo il capodanno 2022 in stile comunitario, progettando un ecovillaggio?

|

Alberi autoctoni da ripiantare dopo le feste per un Natale sostenibile

|

La terra dei Piripkura incontattati invasa e distrutta per la produzione di carne

|

L’abete rosso sacrificato per il Natale del Vaticano sta morendo ma “parla” ancora