Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
12 Ott 2015

Imparare con il gioco: in Finlandia è legge

Scritto da: Marco Fossi

La Finlandia stabilisce per legge l'obbligatorietà del gioco per i bambini in età prescolare, fino a sei anni. Niente numeri, lettere e tabelline imposti ai piccoli che frequentano la scuola materna: l'apprendimento giocoso, oltre ad essere più piacevole, aiuta i piccoli ad imparare e ricordare meglio.

Il gioco è una cosa seria. Quindi, da oggi, la Finlandia, notoriamente uno dei paesi più alfabetizzati del mondo, prende la cosa molto sul serio e rende obbligatorio all’asilo, fino ai sei anni, giocare invece che imparare a leggere o a far di conto.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

copii-joaca-afara

 

Pare che un approccio giocoso alle attività sociali sia più produttivo che imparare faticosamente le tabelline o la grammatica. In effetti, nessuno di noi ha ricordi particolarmente divertenti dell’apprendimento nelle scuole elementari di matematica e italiano (immaginiamo che per il finlandese sia lo stesso). Invece, è molto ma molto più divertente giocare a fare il gelataio o costruire castelli di sabbia.

In effetti, per i bambini non è mai naturale stare seduti ai banchi di scuola per molte ore, fermi, attenti e concentrati su una materia scolastica. In Italia lo sanno bene le maestre e i maestri dell’Asilo nel Bosco di Ostia Antica  e della Scuola che ha preso il via il mese scorso .

 

 

Socializzare con i in coetanei è molto più piacevole che stare ad ascoltare una maestra che insegna il plurale degli aggettivi. Ciò non vuol dire che lettura, scrittura e conti saranno banditi: se il piccolo mostrerà interesse verso le lettere o la matematica sarà incoraggiato e aiutato dagli insegnanti a seguire questo “richiamo”. L’idea, infatti, è quella di promuovere un percorso di apprendimento personalizzato e basato sulle esigenze ed inclinazioni di ogni bambino piuttosto che basato su insegnamenti imposti.

 

C’è da dire che la Finlandia è più favorita dell’Italia: i finlandesi sono solo 5,4 milioni, cioè la metà della Lombardia, e il reddito pro capite è uno dei più alti dell’Europa (compensato da un costo della vita altrettanto alto). E quando ci sono molte risorse, è più facile dare buoni servizi universali a tutti. Ma in ogni caso, la buona notizia resta: giocare a fare i gelatai è un buon modo per far crescere un bambino.

 

 

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

L’Ue vuole tassare di più le multinazionali? – Io Non Mi Rassegno #318

|

Segui i nostri aggiornamenti quotidiani dal camper di Italia Che Cambia!

|

“Abbiamo comprato una casa e la destineremo a dei rifugiati”

|

L’ENPA contro le Province Autonome: “Basta abbattere i lupi”

|

Outdoor education: le sfide e le conquiste dell’educazione in natura

|

Piero Manzotti: “Questa crisi sia un’opportunità per trasformare l’economia”

|

Non bastano le proroghe, serve uno stop definitivo alle trivelle

|

NATworking: la rete dedicata a chi vuole lavorare in natura