Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
27 Lug 2017

Asti, una città più pulita e cittadini più consapevoli con il “T-Riciclo”

Scritto da: Daniela Bartolini

Asti è la prima città del Piemonte ad usare il “T-Riciclo”, un mezzo ecologico, bello e maneggevole per tenere pulito il centro storico, sensibilizzare i cittadini sul tema della gestione dei rifiuti e ricordare la bellezza che ci circonda.

Sappiamo bene che l’ottimo per il nostro ecosistema sarebbe arrivare al famoso obiettivo Rifiuti Zero. Nel mondo che ci siamo immaginati nella Visione2040 su “Cicli Produttivi e Rifiuti”, i rifiuti non esistono più, e con essi sono scomparsi gli inceneritori e le discariche. In un ecosistema che funziona gli scarti di un soggetto diventano materia prima e nutrimento di un altro soggetto.
Ma la strada è fatta di passi e nel cammino verso l’azzeramento dei rifiuti, che si situa oltre il riciclaggio, ci sono tante azioni che possiamo fare sin da ora, partendo dall’impegno personale a produrre meno rifiuti possibile e passando per la raccolta differenziata che è un problema prima di tutto organizzativo e che quindi ci coinvolge tutti, come comunità.

Ogni passo che le amministrazioni e i cittadini compiono sono importanti e per questo oggi parliamo dell’iniziativa astigiana che ha preso il via da qualche settimana.
Per le strade di Asti sono infatti adesso attivi due “T-Riciclo”, tricicli a pedalata assistita alimentati con energia rinnovabile grazie ad un pannello fotovoltaico e a una batteria per l’accumulo dell’energia, progettati da Esa, impresa leader nelle tecnologie per l’ambiente, con lo scopo di unire soluzioni ecologiche a mobilità sostenibile.

Il “T-Riciclo” è nato per migliorare l’efficienza del servizio di pulizia delle strade nelle zone a traffico limitato, nelle aree pedonali o con modifiche alla viabilità. Il mezzo è dotato di quattro vani della capacità di 120 litri ciascuno per lo stoccaggio dei rifiuti, le bocche laterali di conferimento consentono di gestire fino a 3 tipologie differenti di rifiuti che possono essere poi compattati nei bidoni.
Le operatrici ecologiche dell’Asp si potranno così muovere rapidamente per la città per tenere puliti marciapiedi, strade, piazze del centro storico.

Una città dunque più pulita e più bella ma anche un modo per creare un filo diretto tra i cittadini e l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti: le operatrici alla guida potranno raccogliere segnalazioni di eventuali problemi e diventare un punto di riferimento per i cittadini. Inoltre potranno favorire le attività di controllo per scoraggiare comportamenti scorretti e incivili relativi all’abbandono dei rifiuti in strada.

Il veicolo è anche personalizzato con l’immagine dei più importanti monumenti cittadini sulla parte posteriore e la scritta «Lavoriamo ogni giorno per fare Asti più bella», mentre sulle fiancate si promuovono l’App DifferenziAsti per il miglioramento della raccolta differenziata e le iniziative culturali del territorio.

Ciò che vediamo è importante e crea la nostra realtà, vedere il “T-Riciclo”, un mezzo che non inquina, non fa rumore, che ci ricorda l’importanza delle nostre azioni in merito alla gestione dei rifiuti, al rispetto per l’ambiente e la bellezza del luogo in cui viviamo, può essere di ispirazione per tutti (almeno lo speriamo).

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La crisi del petrolio e la potenza degli oceani – Io Non Mi Rassegno #110

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

|

Coronavirus e sostegno economico a lavoratori, stagisti e imprese: facciamo il punto!

|

“La salute non è in vendita”: sei richieste per salvare la sanità pubblica

|

“La condivisione ci salverà!”: Gabriele e tutti i volontari dell’emergenza coronavirus

|

Una app per rimettere in pista le piccole botteghe verso una nuova economia

|

Ashoka: la rete degli imprenditori sociali che stanno trasformando il mondo – Io faccio così #285

Copy link
Powered by Social Snap