Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
29 Ago 2017

Ri-Generation: gli elettrodomestici che fanno bene

Scritto da: Paolo Cignini

Cosa ci fanno insieme uno dei principali distributori europei di ricambi per elettrodomestici e il Servizio missionario giovani? Semplice: il primo negozio italiano di elettrodomestici ricondizionati in Italia!

Ri-Generation è un progetto solido, reale ed un esempio perfetto di economia circolare applicata ad un settore, quello dei RAEE (Rifiuti di Apparecchi Elettrici Ed Elettronici), tra i più delicati da un punto di vista della gestione dei rifiuti e del loro impatto ambientale e umano.

Ma come funziona? L’obiettivo di Ri-Generation è relativo ad un’attività di rigenerazione di lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi e forni a suo tempo dismessi dai rispettivi proprietari, quindi diventati RAEE. Grazie a Ri-Generation e al lavoro di Astelav (uno dei principali distributori europei di ricambi per elettrodomestici) e del Sermig (Il Servizio Missionario Giovani nato nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero), questi elettrodomestici dopo essere stati rigenerati vengono venduti a condizioni molto vantaggiose: un esempio perfetto e concreto di economia circolare nel segno dell’uso, della riparazione e del riuso e della conseguente concezione di uno sviluppo socio-economico responsabile.

Il progetto ha sede a Torino, dove da gennaio 2017 sono attivi i laboratori dove operano gli addetti di Ri-generation: è qui che vengono testati i RAEE, comprati direttamente dai conferitori, e sostituiti i pezzi danneggiati per dare nuova vita agli elettrodomestici, che rientrano poi sul mercato. I due punti vendita e di ritiro degli elettrodomestici di Ri-Generation si trovano a Torino e a Vinovo, ma è possibile anche acquistare i vari pezzi sul sito internet di Ri-Generation e ricevere a casa la merce acquistata anche se si è lontani dal Piemonte.

Oltre all’economia circolare, un altro punto che caratterizza fortemente il progetto è l’obiettivo sociale ed è qui che entra in gioco il ruolo del Sermig, che fornisce la rete per impiegare persone con esperienza nel settore degli elettrodomestici ma che si trovano in difficoltà lavorative. Di cinque nuovi assunti nel progetto a giugno 2017, tre sono persone in età adulta che avevano perso il lavoro in seguito al fallimento dell’azienda presso cui lavoravano e due sono ragazzi giovani inseriti in un processo di formazione.

La speranza è che progetti di questo tipo, già diffusi fuori dai nostri confini nazionali, possano espandersi anche in altre città italiane: per quanto riguarda specificatamente i RAEE, nel 2015 in Italia ne sono stati trattati in modo appropriato circa 250.000 tonnellate con un aumento dell’8% rispetto all’anno precedente; questo dato però rappresenta solo il 40% del totale degli elettrodomestici realmente dismessi. Le restanti 350.000 tonnellate di RAEE sono gettate in discariche abusive o esportate illegalmente in paesi in via di sviluppo, sia come apparecchi funzionanti sia come fonte di componenti e materie prime di recupero. La possibilità concreta di poter creare nuove occasioni lavorative traendo ispirazione dalla Natura e dai suoi processi, nei quali materia ed energia vengono scambiati tra i diversi sistemi secondo tematiche a ciclo chiuso dove i rifiuti non esistono, è la speranza concreta affinché il ruolo del lavoro non sia più solo relegato e fine a se stesso, ma utile al miglioramento reale delle condizioni di vita dell’uomo e del Pianeta.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

La repressione cinese degli Uiguri – Io Non Mi Rassegno #217

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

In Italia si mappano i borghi per chi vuole vivere e lavorare in montagna

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6

|

Diffondere informazione positiva e gentilezza: arriva il Festival Mezzopieno!

|

Lucia Cuffaro e l’autoproduzione, la ricetta quotidiana per una società più giusta e resiliente