Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
26 Feb 2019

Due anni in viaggio con…Piemonte che Cambia!

Sono passati due anni dal viaggio che, in camper, ci ha condotti alla scoperta del Piemonte che cambia e delle sue tante realtà virtuose. Sono stati due anni ricchi di incontri, avventure e nuovi legami che ci hanno ricordato quanta bellezza c’è nei nostri territori. Oggi, martedì 26 febbraio, festeggiamo questo importante momento ripercorrendo la strada fatta fino ad ora e guardando al futuro con tanti nuovi propositi. Non ci resta che dire…buon compleanno Piemonte che Cambia!

Se fai un viaggio lungo sia leggero il tuo bagaglio: sarai meno stanco e più disposto ad accogliere ciò che ti sarà donato ogni nuovo giorno”.

Quando varchi l’uscio di casa, all’inizio di una nuova avventura, non sai mai cosa ti attenderà. E’ quella rituale sensazione di timore che, mista all’euforia che ti pervade, ti dà certezza sul fatto che quando tornerai a casa non sarai più la stessa persona, ma porterai con te tante nuove esperienze ed insegnamenti.

Due anni fa abbiamo intrapreso il viaggio alla scoperta del Piemonte che Cambia, un tour in camper di nove giorni attraverso il quale abbiamo avuto la possibilità di incontrare, conoscere e svelare le numerose realtà innovative ed appassionanti che rendono la nostra regione ogni giorno più bella. Percorrendo le province piemontesi, ci siamo imbattuti nei tanti e nuovi progetti spesso ancora poco noti che stanno funzionando con successo nel nostro territorio. Abbiamo conosciuto le storie di chi ha trasformato la propria vita, di chi vuole cambiare stile di vita, di chi ama la vita.

In questi due anni abbiamo lanciato ed arricchito quotidianamente “Piemonte che Cambia”, il nostro primo portale regionale di Italia che Cambia che rappresenta non solo uno spazio in cui “noi” raccontiamo a “voi” cosa accade, ma soprattutto un luogo prima virtuale e poi reale di incontro e scambio di relazioni, progetti, sogni e obiettivi comuni.

Tra le più recenti realtà mappate vi abbiamo portato a conoscenza di esempi virtuosi quali Mercato Circolare, la start-up innovativa che rivela esperienze di economia circolare; abbiamo conosciuto la storia di Marco Bozzolo, ragazzo che, dopo gli studi, è tornato ad occuparsi del castagneto familiare, coniugando il ritorno alla campagna con il rinnovamento della tradizione; vi abbiamo raccontato la storia di Ri-Generation, l’impresa che riporta in vita gli elettrodomestici dismessi; abbiamo conosciuto la storia di Ottavio Rube, fondatore di Valli Unite che ci ha raccontato il valore positivo della campagna come strumento in grado di garantire un futuro migliore e di riscatto sociale.

In questi mesi abbiamo partecipato attivamente a numerosi eventi sul territorio, come “I 7 Passi per la r(E)voluzione”, un momento di dibattito e scambio su ambiti della vita strettamente interconnessi che si riconducono ad un unico grande concetto: il Cambiamento. Un momento che ci ha dato la possibilità di raccontare la nostra esperienza sui territori e mostrare nuove realtà e modi di vivere capaci di rafforzare il senso di comunità e creare reti solide.

Siamo stati ospiti dell’evento “Impariamo a Consumare meno”, progetto di educazione ambientale che sta coinvolgendo una rete connessa di scuole che insieme hanno creduto e scommesso sulla centralità dei ragazzi nell’acquisizione di una maggior coscienza ambientale.

Alla scoperta del Piemonte che Cambia sono molti i nuovi propositi che questo anniversario porta con sé: dal rinnovamento della redazione con l’ingresso della nostra nuova collaboratrice alla prossima integrazione tra il sito nazionale con quello regionale, che darà una maggior visibilità alle bellissime realtà piemontesi a livello nazionale.
Abbiamo inoltre in programma di arrivare più capillarmente sui territori raccontando le peculiarità che li contraddistinguono, proprio come ne è esempio il nuovo progetto di approfondimento sul Biellese che Cambia, incentrato sul tema della lana e della sua lunga tradizione…che a breve scoprirete!

Piemonte che Cambia festeggia con voi questo nuovo anno all’insegna di nuove avventure, sorprese e progettualità che vedrà noi tutti protagonisti di questa nuova trasformazione!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Di buco nell’ozono e Nazioni Unite – Io Non Mi Rassegno #105

|

“Pronto? Come stai?”. Ai tempi del coronavirus la solidarietà passa per il telefono

|

Fuori è chiuso, un racconto collettivo dei giorni dell’emergenza

|

Caffè sospeso online, uno spazio di condivisione per uscire dall’isolamento

|

Eppur si muove! Anche se restiamo a casa, non siamo fermi

|

Ridi, ama, vivi: Lara Lucaccioni e la coerenza cardiaca – Meme #32

|

Coronavirus, l’ambiente sorride: nel nord Italia cala lo smog

|

Violenza domestica, troppo lavoro e diritti negati: le donne al tempo del coronavirus

Copy link
Powered by Social Snap