Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
19 Ott 2017

Da Capannori idee per una scuola divertente e consapevole

Scritto da: Paolo Cignini

La rassegna "Percorsi di pedagogia globale", promossa dal Comune di Capannori in collaborazione con l'associazione Paideia, è dedicata al tema "Nuove consapevolezze" e alterna iniziative con un taglio principalmente esperienziale, con lo svolgimento di esperienze pratiche e laboratori a iniziative incentrate su incontri teorici tenuti da esperti e aperti a tutta la cittadinanza.

Disegnare percorsi di pedagogia globale, con temi legati alla conoscenza di sé stessi e all’acquisizione di nuovi saperi e livelli di cognizione, con particolare attenzione al mondo della scuola, organizzati in sinergia tra amministrazione comunale e associazioni del luogo: succede a Capannori con la rassegna Percorsi di pedagogia globale, giunta quest’anno alla sua terza edizione e organizzata dal Comune di Capannori in collaborazione con l’associazione Paideia.

Nuove consapevolezze

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

ATTIVATI

La rassegna è dedicata al tema delle “nuove consapevolezze” e alterna iniziative con un taglio principalmente esperienziale, con lo svolgimento di esperienze pratiche e laboratori (come laboratori di yoga, musica, costellazioni familiari, meditazione, psicodramma) a iniziative incentrate su incontri teorici tenuti da esperti e aperti a tutta la cittadinanza, mentre alcuni di questi eventi sono rivolti alla formazione dei docenti. Sono previste anche proiezioni di documentari e spettacoli teatrali.

 

La rassegna è partita il 5 ottobre 2017 e sarà caratterizzata da una serie di incontri che dureranno fino al 15 dicembre 2017: dal 20 al 21 ottobre è prevista una seconda serie di incontri, che vedranno tra i relatori anche Alida Mazzaro con il laboratorio “Il corpo sconosciuto”: «Spesso noi non abbiamo più una vera relazione con il corpo», ci spiega Alida «trascuriamo e non abbiamo consapevolezza dell’alimentazione e di cosa mangiamo. Il primo passo per recuperare questo legame è il respiro e proveremo a mettere in pratica alcuni esercizi per recuperare questa consapevolezza corporea, per riprendere la connessione con essa».

 

Nella giornata di venerdì inoltre si entrerà nel vivo del mondo della didattica e della scuola con la conferenza intitolata “Per una scuola di-vertente” di Gianfranco Staccioli, insegnante di metodologia del gioco all’Università di Firenze, che parlerà di didattica divertente, gioco, apprendimento e scuola divertente: una scuola che recupera la creatività, che valorizza la condivisione e lo sviluppo dei progetti dei bambini necessita di un atteggiamento pronto a vertere, a muovere i propri e gli altrui convincimenti, così come le conoscenze culturali, sociali e personali.

pedagogia2«È un percorso che ormai è diventato strutturato e strutturale per il Comune di Capannori, lo portiamo avanti da tempo con sempre maggiore partecipazione», ci spiega Francesco Cecchetti, assessore alle Politiche Educative del Comune di Capannori. «All’evento di apertura del 5 ottobre con Mauro Scardovelli c’erano oltre duecento persone. È un percorso innovativo perché cerca di aiutare le persone nel fornire strumenti per conoscere meglio se stessi. La scuola è il Mondo: o si costruisce attraverso la scuola oppure non si costruisce nulla.

 

È un mondo, quello scolastico, che deve sempre essere aperto in due direzioni: verso il territorio e le associazioni e ampliando il senso della didattica tradizionale, arricchendola. Siamo molto orgogliosi dunque di questa piena collaborazione e di questa sinergia che l’amministrazione comunale ha instaurato con l’associazione Paideia, così come del fatto che l’evento venga realizzato all’interno del Patto per la Scuola, con un legame molto forte con i quattro dirigenti scolastici dei quattro Istituti Comprensivi del nostro territorio e anche con il Liceo Majorana. Associazione, comune e scuola lavorano in sinergia e ci sembra che sia un buon modo per dimostrare anche qua una nuova consapevolezza importante».

 

Clicca qui per scoprire tutti gli eventi in programma.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si fa presto a dire “buone vacanze”! – Io Non Mi Rassegno #197

|

La parola “bellezza” è la sintesi perfetta del viaggio nella Sicilia che Cambia

|

Quo Vado? Un percorso per giovani alla ricerca della propria rotta nel mondo

|

“I parchi naturali possono salvarci dalla crisi ecologica ed economica”

|

L’ecovillaggio Torri Superiore, il cantiere del vivere sostenibile che ha fatto la storia – Io faccio così #295

|

Elena e Sara: la rivoluzione degli abiti usati per “riformare” il sistema moda

|

Il cammino delle panchine invita le persone a sostare su ciò che è importante

|

A Palermo i ragazzi del carcere minorile ripartono dai biscotti