5 Ott 2017

A Torino nasce OrMe, la Rete Metropolitana degli Orti Urbani. Un buon esempio replicabile a livello nazionale?

Scritto da: Roberto Vietti

OrMe è la rete nata per sostenere tutte le esperienze di orticultura urbana, favorirne lo sviluppo e la diffusione, condividere le conoscenze, co-progettare. Uno strumento in grado di facilitare l'operato di enti, associazioni e cittadini interessati all'argomento: un esempio estendibile a livello nazionale.

TORINO – Come sapete Italia Che Cambia e il suo portale piemontese nascono per facilitare tutti quei percorsi che, a vario livello e in modi diversi, cercando di trasformare positivamente la nostra società. L’intento è proprio quello di essere uno strumento, a disposizione di chi già si attiva, in modo concreto, verso questo cambiamento.

E’ così un piacere oggi raccontarvi la nascita di OrMe, la Rete Metropolitana degli Orti Urbani di Torino.
Si tratta di un gruppo informale che raccoglie le esperienze di orti urbani comunitari attivi a Torino e nella sua area metropolitana.

torino nasce orme rete metropolitana orti urbani esempio replicabile nazionale 1507123769

Dal sito web scopriamo che “l’idea è nata a seguito dell’incontro Orti in Città: una panoramica sulle esperienze di orticultura urbana, tenutosi alla Casa dell’Ambiente di Torino il 10 giugno 2016.
In quell’occasione è emerso un panorama molto ampio e variegato di orti urbani: spazi curati da associazioni di cittadini, da cooperative sociali e agricole, da gruppi informali di genitori e insegnanti… esperienze che coinvolgono anziani, diversamente abili, migranti… progetti di educazione ambientale e di inserimento lavorativo e molto altro.

OrME mette in rete tutte queste esperienze con l’obiettivo di dare visibilità alle esperienze esistenti e a quelle nascenti, di favorire il confronto e la condivisione di saperi e progetti, supportare in modo pratico i partecipanti attraverso servizi e attività informative e formative, al fine di affrontare le diverse problematiche tecniche, superare ostacoli normativi e burocratici, reperire risorse economiche, stimolare la collaborazione reciproca e quella della comunità territoriale di riferimento, ed entrare in contatto con altre realtà analoghe italiane, europee e internazionali”.

Un obiettivo che il Piemonte Che Cambia sostiene e incentiva in tutti i modi possibili. Per questo l’invito è per domenica 8 ottobre alle ore 18,30, presso Casa Ozanam per la presentazione ufficiale della Rete Metropolitana degli Orti Urbani. Interverranno Luca Scarpitti di Compagnia San Paolo e Alberto Unia, Assessore all’ambiente della Città di Torino.

torino nasce orme rete metropolitana orti urbani esempio replicabile nazionale 1507123779

OrMe nasce quindi con l’intento di rispondere alle difficoltà e le esigenze che i singoli componenti della rete incontrano nelle loro quotidiane attività. In questa direzione si impegna a facilitare la collaborazione fra le realtà esistenti e le istituzioni.

Un percorso che ha gettato i suoi semi. Pronti a curare il terreno e, successivamente, trarre il raccolto? L’esperienza OrMe può essere da apripista ad altre esperienze simili in tutto il territorio nazionale.

Articoli simili
Boom di orti urbani in Italia: triplicati in due anni

DistORTO, un fazzoletto di terra che accorcia le distanze

La campagna va in città: l'orto condiviso di Ferrara

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita