9 Nov 2017

A Scuola di Castagna!

Scritto da: Daniela Bartolini

Raggiolo lancia un’esperienza didattica su paesaggi e sapori della castagna. La storia e la cultura di una comunità spiegate attraverso un frutto.

Il borgo di Raggiolo non è solo uno dei più belli d’Italia, ma è anche il teatro del lancio di un’esperienza didattico-educativa che rimanda alla storia locale attraverso la castagna, il frutto del bosco che per intere generazioni di Casentinesi è stato l’alimento base nella dieta quotidiana. Il tutto parte da un dato incoraggiante raccolto dall’Ecomuseo della Castagna a Raggiolo, dove in un mese il flusso di visitatori oltrepassa i 400 bambini, con molte scolaresche provenienti dal Casentino ma anche dalla città di Arezzo.

Perché allora non pensare a qualcosa di più e di meglio? Come spiega Eleonora Ducci, assessore alla cultura dell’Unione dei Comuni, “Abbiamo deciso di provare con una proposta a cura dell’Ecomuseo e della Brigata di Raggiolo con il sostegno della Regione Toscana. Le classi vengono accolte dalla Brigata di Raggiolo, che gestisce l’Ecomuseo, insieme agli operatori della Coop Oros. In questo modo la vocazione di Raggiolo, quale paese a misura di bambino è stata ulteriormente rafforzata, anche dalla Guida alla scoperta di Raggiolo e del suo Ecomuseo per bambini e adulti curiosi. Un vero vademecum con suggerimenti, curiosità e storie per perdersi e ritrovarsi nei vicoli di pietra e nei boschi di Raggiolo”.

“Agli alunni – ricorda inoltre Fiorenzo Pistolesi, Sindaco di Ortignano Raggiolo – questa esperienza didattica servirà per conoscere questo importante frutto, i suoi prodotti, la sua cultura ed il suo paesaggio. La proposta è piuttosto articolata e comprende una visita al Centro di interpretazione e al borgo di Raggiolo che ospita la struttura; riflessioni sul paesaggio attraverso la storia, l’interpretazione dei segni e delle testimonianze; una breve escursione nel castagneto con visita al seccatoio (attivo nel periodo autunnale) e all’antico mulino ad acqua. In alternativa, gli stessi contenuti possono essere veicolati in maniera ludica, per i più piccoli, con “Gioca Raggiolo”, percorso itinerante attraverso i vicoli del paese tra aneddoti, leggende e storie vere attraverso anche il supporto della nuova guida per bambini in vendita presso l’Ecomuseo. “Stiamo lavorando – conclude Pistolesi – per garantire una combinazione treno- bus navetta con abbattimenti sul costo del biglietto”.

“Ci si propone – prosegue la Ducci – di far trascorrere una intera giornata fra le mura di questo borgo, nel periodo autunnale, per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado”

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Informazioni e prenotazioni possono essere effettuate alla Coop OROS 335-6244440 o anche in line su www.ecomuseo.casentino.toscana.it; www.raggiolo.it

Articoli simili
L’ultima accademia di Belle Arti attiva sulle Alpi che valorizza il territorio vigezzino
L’ultima accademia di Belle Arti attiva sulle Alpi che valorizza il territorio vigezzino

Kronoteatro: mancano i sostegni e la compagnia ligure pluripremiata è a rischio
Kronoteatro: mancano i sostegni e la compagnia ligure pluripremiata è a rischio

Hisn Al-Giran, l’antico villaggio bizantino rinasce grazie a un gruppo di giovani siciliani
Hisn Al-Giran, l’antico villaggio bizantino rinasce grazie a un gruppo di giovani siciliani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi