9 Nov 2017

A Scuola di Castagna!

Scritto da: Daniela Bartolini

Raggiolo lancia un’esperienza didattica su paesaggi e sapori della castagna. La storia e la cultura di una comunità spiegate attraverso un frutto.

Il borgo di Raggiolo non è solo uno dei più belli d’Italia, ma è anche il teatro del lancio di un’esperienza didattico-educativa che rimanda alla storia locale attraverso la castagna, il frutto del bosco che per intere generazioni di Casentinesi è stato l’alimento base nella dieta quotidiana. Il tutto parte da un dato incoraggiante raccolto dall’Ecomuseo della Castagna a Raggiolo, dove in un mese il flusso di visitatori oltrepassa i 400 bambini, con molte scolaresche provenienti dal Casentino ma anche dalla città di Arezzo.

Perché allora non pensare a qualcosa di più e di meglio? Come spiega Eleonora Ducci, assessore alla cultura dell’Unione dei Comuni, “Abbiamo deciso di provare con una proposta a cura dell’Ecomuseo e della Brigata di Raggiolo con il sostegno della Regione Toscana. Le classi vengono accolte dalla Brigata di Raggiolo, che gestisce l’Ecomuseo, insieme agli operatori della Coop Oros. In questo modo la vocazione di Raggiolo, quale paese a misura di bambino è stata ulteriormente rafforzata, anche dalla Guida alla scoperta di Raggiolo e del suo Ecomuseo per bambini e adulti curiosi. Un vero vademecum con suggerimenti, curiosità e storie per perdersi e ritrovarsi nei vicoli di pietra e nei boschi di Raggiolo”.

“Agli alunni – ricorda inoltre Fiorenzo Pistolesi, Sindaco di Ortignano Raggiolo – questa esperienza didattica servirà per conoscere questo importante frutto, i suoi prodotti, la sua cultura ed il suo paesaggio. La proposta è piuttosto articolata e comprende una visita al Centro di interpretazione e al borgo di Raggiolo che ospita la struttura; riflessioni sul paesaggio attraverso la storia, l’interpretazione dei segni e delle testimonianze; una breve escursione nel castagneto con visita al seccatoio (attivo nel periodo autunnale) e all’antico mulino ad acqua. In alternativa, gli stessi contenuti possono essere veicolati in maniera ludica, per i più piccoli, con “Gioca Raggiolo”, percorso itinerante attraverso i vicoli del paese tra aneddoti, leggende e storie vere attraverso anche il supporto della nuova guida per bambini in vendita presso l’Ecomuseo. “Stiamo lavorando – conclude Pistolesi – per garantire una combinazione treno- bus navetta con abbattimenti sul costo del biglietto”.

“Ci si propone – prosegue la Ducci – di far trascorrere una intera giornata fra le mura di questo borgo, nel periodo autunnale, per le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado”

Informazioni e prenotazioni possono essere effettuate alla Coop OROS 335-6244440 o anche in line su www.ecomuseo.casentino.toscana.it; www.raggiolo.it

Articoli simili
Fadabrav: una falegnameria sociale per conoscere e conoscersi

#17 – Il piccolo cinema, come (ri)scoprire un quartiere attraverso le immagini
#17 – Il piccolo cinema, come (ri)scoprire un quartiere attraverso le immagini

Casa Balestra: ospitare il passato per seminare il futuro #2
Casa Balestra: ospitare il passato per seminare il futuro #2

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie, relazioni, sesso: cosa succede in Italia

|

Aumento delle bollette 2021: cosa c’è dietro ai rincari dei prezzi di gas ed energia?

|

Cosa possiamo aspettarci dalla COP26 sul clima?

|

Perché scendere in piazza per il clima? Anche il Piemonte sciopera con Fridays for Future

|

Fridays for Future e il Parco di Portofino: “Il Ministero non cancelli il nostro futuro”

|

Cambiamenti climatici: inizia un autunno molto caldo

|

Dall’arte alla psicologia, l’impegno di Paolo Valerio per il mondo transgender – Amore Che Cambia #25