Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Nov 2017

Come sta l’ambiente in Piemonte? I dati preoccupati della relazione di Arpa e Regione

Scritto da: Andrea Degl'Innocenti

Caldo torrido e alluvioni, aumento dei fenomeni metereologici estremi: il 2016 del Piemonte è stato caratterizzato dai sempre più evidenti effetti dei cambiamenti climatici. La relazione di Arpa e Regione ci racconta “come sta” l’ambiente, in modo interattivo!

È stato il quinto anno più caldo dal 1958, ha visto un’alluvione – quella del 22-26 novembre – paragonabile a quella del 1994, e nei primi sei mesi del 2017 lo sforamento del valore limite giornaliero di polveri sottili, PM10, ha superato la soglia dei 35 giorni prevista dalla normativa ad Alessandria, Torino e Vercelli.

Questi dati, e molti altri emergono dalla Relazione sullo stato dell’ambiente in Piemonte, realizzata da Arpa e Regione. La pubblicazione della relazione, attraverso il portale che raccoglie tutte le informazioni, è un appuntamento annuale fisso, e purtroppo sempre più preoccupante.

La regione sta cercando di correre ai ripari: nel 2017 è stato approvato il Piano regionale sulla qualità dell’aria e firmato un nuovo accordo con le altre regioni del bacino padano. È stato approvato il Piano regionale sui rifiuti ed è in dirittura d’arrivo quello sui rifiuti speciali. È in corso l’attuazione del Piano regionale amianto, e sembra in cantiere, secondo le dichiarazioni dell’assessore all’ambiente Alberto Valmeggia, una legge sul consumo di suolo.

Tuttavia gli sforzi non sembrano ancora commisurati con l’entità del problema ambientale in corso, né possono le regioni da sole invertire la rotta di dinamiche globali.

I rapporti annuali dell’Arpa e della Regione Piemonte restano comunque uno strumento di analisi molto interessante e facile da consultare grazie al sito interattivo.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Come affronteremo la crisi del debito? – Io Non Mi Rassegno #112

|

Capanna di Betlemme: un esempio di accoglienza e ospitalità nei giorni dell’emergenza

|

Emergenza Covid-19: riparti dalle tue risorse interiori

|

Matteo Ficara: “Con l’immaginazione può rinascere una specie felice!” – Meme #33

|

Cinemambiente a casa tua: i film per ripensare il nostro futuro

|

Felber: “Perché non si affronta la crisi ambientale come il coronavirus?”

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

Copy link
Powered by Social Snap