22 Nov 2017

Il crowdfunding, quando la comunità sostiene il tuo progetto

Scritto da: Domenico Villano

Il crowdfunding è una pratica di microfinanziamento dal basso che mobilita persone e risorse offrendo a molti la possibilità di dar vita ai propri progetti e le proprie idee. Ecco come funziona e che opportunità offre questo progetto.

Qui di seguito troverete un estratto di uno dei moduli di educazione critica alla finanza realizzati dalla fondazione finanza etica, nell’ambito del progetto EducarCi: si tratta di una piattaforma multimediale per la formazione, gratuita e accessibile a tutti, il cui lancio è previsto per l’inizio del prossimo anno. Sulla piattaforma potrete vedere dei brevi video, realizzati in collaborazione con esperti e professori, scaricare un kit pronto all’uso (slide, video, canovacci, testi, link) per l’organizzazione di seminari e discussioni, approfondire i temi trattati, leggendo brevi schede riassuntive e continuare il percorso con collegamenti ipertestuali alle più svariate pubblicazioni e organizzazioni.

 

Il crowdfunding (dall’inglese crowd, folla e funding, finanziamento) è una delle più interessanti tecnologie finanziarie (fintech in inglese) affermatasi negli ultimi anni nel mondo della finanza alternativa. Esso altro non è che uno strumento di raccolta fondi digitale che tramite l’utilizzo di piattaforme dedicate permette di raggiungere un ampio e variegato pubblico di potenziali finanziatori e donatori. È una pratica di microfinanziamento dal basso, che mobilita persone e risorse offrendo a molti la possibilità di dar vita ai propri progetti e le proprie idee.

 

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Quando si propone un progetto su una piattaforma di crowdfunding, di solito ci si pone un obiettivo, una somma definita di denaro da raccogliere per la realizzazione del progetto e una scadenza entro cui questa somma può essere raccolta. Se l’obiettivo viene raggiunto, il progetto verrà finanziato, in caso contrario in genere il denaro è restituito ai finanziatori. Il progetto può essere un prodotto artistico o culturale, un progetto di start-up di impresa o un evento, un’iniziativa sociale o personale; esistono piattaforme dedicate a specifici temi o settori ed altre invece generaliste che accolgono ogni tipo di progettualità.

teoria-x-pratica

Il crowdfunding non è uno strumento sempre vincente, poco più di un progetto su cinque riesce a raggiungere la somma di denaro necessaria alla sua realizzazione. Infatti le piattaforme di crowdfunding altro non sono che un canale tramite il quale raccogliere risorse, sta poi al promotore di ogni progetto riuscire a coinvolgere online e offline persone interessate alla propria idea sfruttando le proprie reti sociali, le proprie competenze di marketing, ma soprattutto riuscendo a ideare un progetto che desti interesse in un pubblico variegato, come quello che frequenta le piattaforme di crowdfunding.

[av_button_big label=’CAMBIA LA FINANZA, SCEGLI L’ETICA!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://www.italiachecambia.org/cambia-finanza-scegli-etica/’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

Esistono diversi tipi di crowdfunding che si differenziano in base alla finalità ed all’eventuale remunerazione del finanziatore:

 

  1. Donation: la classica formula della raccolta fondi tramite donazioni per la realizzazione in genere di progetti senza scopo di lucro da parte di organizzazioni del terzo settore.

2. Reward: al donatore viene promessa in caso di realizzazione del progetto una ricompensa materiale o simbolica: si può trattare ad esempio di un ringraziamento pubblico che trova spazio sul sito web dell’organizzazione promotrice del progetto oppure un prodotto in edizione limitata.

  1. Equity: un vero e proprio acquisto di azioni di aziende non quotate effettuato tramite piattaforme dedicate; si tratta di uno strumento che permette di partecipare alla proprietà dell’impresa senza avvalersi dell’intermediazione di istituti bancari.

  2. Lending: una forma di prestito collettivo per la realizzazione di progetti.Le somme possono essere davvero minime ed i tassi di interesse variabili.

  3. Civic: dalla cooperazione delle istituzioni pubbliche con organizzazioni non profit e gruppi di cittadini, viene organizzata una raccolta fondi per la rigenerazione di spazi ed edifici pubblici, per la realizzazione di opere pubbliche di grande impatto sociale per le aree interessate.

 

Da questa breve panoramica risulterà chiaro al lettore che sostenere un progetto di crowdfunding significa partecipare attivamente ad una comunità economica di tipo nuovo, consentire la crescita di un progetto e permettere a storie e idee di nascere dal basso, insieme, in modo condiviso, attivo e disintermediato.

[av_button_big label=’CAMBIA LA FINANZA, SCEGLI L’ETICA!’ description_pos=’below’ link=’manually,https://www.italiachecambia.org/cambia-finanza-scegli-etica/’ link_target=’_blank’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’ custom_font=’#ffffff’ color=’theme-color’ custom_bg=’#444444′ color_hover=’theme-color-subtle’ custom_bg_hover=’#444444′][/av_button_big]

 

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

A Gaza è di nuovo guerra, ma diversa – Io Non Mi Rassegno #368

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile

|

La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

|

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

|

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”

|

Mediazione tra pari: ecco la scuola dove i bambini fanno pace senza adulti

|

Parte Sicilia Che Cambia! Volete salire a bordo?

|

Fabrizio Cotza: un cambiamento culturale per non essere più schiavi del lavoro – Meme #36