11 Gen 2018

Nasce la Libera Università del Bosco

Scritto da: Redazione

Valorizzare i saperi e le risorse locali al fine di affrontare le diverse problematiche ambientali. Questo l'obiettivo della Libera Università del Bosco (LUB) , progetto in partenza sul Monte di Brianza. La LUB sarà un centro formativo e aggregativo aperto ai giovani e a tutta la comunità.

Grazie a un progetto realizzato dalla Cooperativa Sociale Liberi Sogni Onlus  in collaborazione con i Comuni di Airuno, Colle Brianza e Valgreghentino, risultato vincitore del bando Comunità Resilienti 2017 di Fondazione Cariplo, nasce sul Monte di Brianza la Libera Università del Bosco (LUB).

 

La LUB ha il compito di valorizzare saperi, competenze e risorse locali al fine di affrontare in modo efficace diverse problematiche ambientali, nella ricerca di un legame profondo e armonico tra uomo e natura. Un’università unica nel suo genere, profondamente inserita nel tessuto sociale del territorio, capace di connettere le diverse generazioni, vivendo il bosco come una palestra di esperienze e di apprendimento. Il progetto interessa il territorio del Monte di Brianza, in particolare i Comuni di Airuno, Colle Brianza e Valgreghentino.

Trees_JeroenVanNieuwenhoveFlickr

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Ti è piaciuto questo contenuto? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Le tre principali azioni del progetto sono:

 

Azione 1 – Adotta un sentiero
Le comunità segnalano criticità e punti di forza e avviano un ciclo di salvaguardia, rafforzamento e connessione della rete sentieristica. Il risultato è la creazione di itinerari naturalistici, storici e artistici ad opera delle comunità locali.

 

Azione 2 – Adotta un rio
La partecipazione comunitaria alla mappatura dello stato degli alvei e dei canali di scolo è strumento di conoscenza della rete idrica superficiale. Attraverso la pulizia degli alvei e dei canali di scolo si previene il rischio idrogeologico. Il risultato è l’intervento sostenibile delle comunità sui torrenti, e la valorizzazione inclusiva in percorsi educativi.

 

Azione 3 – Libera Università del Bosco
La Libera Università del Bosco è un centro formativo e aggregativo aperto ai giovani e a tutta la comunità. La LUB coordina le azioni 1 e 2 e fornisce solidità e continuità nel tempo all’impegno messo in campo. Il risultato è un riferimento stabile, partecipato e riconosciuto dalla comunità che sviluppa un modello partecipato che mette a sistema le azioni intraprese nel progetto. Sviluppa nel tempo la cura del territorio e promuove legami tra comunità e ambiente all’insegna dell’imparare a prendersi cura del Bene Comune.

 

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Da Gaza a Marte, mix dal mondo – Io Non Mi Rassegno #370

|

La ‘ndrangheta non è un alibi, la Calabria può cambiare

|

Jonida Xherri e la sua arte partecipata che unisce i popoli

|

Il ciclo mestruale e il ciclo della vita. Un miracolo che si ripete ogni mese – Amore Che Cambia #5

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile

|

La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

|

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

|

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”