18 Apr 2018

Bombe americane: l'Italia approva in nome del libero commercio

Secondo il premier Gentiloni, fra i valori nel nome dei quali l'Italia si schiera al fianco dell'alleato americano nel conflitto siriano c'è anche il libero commercio. Un modello economico socialmente ed ecologicamente insostenibile è quindi diventato anche un pretesto valido per scatenare una guerra?

E così, mentre l’OPAC – l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, organismo neutrale e sovranazionale già premio Nobel per la pace – muove i primi passi della propria missione a Douma, in Siria, per cercare di scoprire la verità sul presunto uso di armi chimiche, l’Occidente la “sua” verità l’ha già trovata.

 

Tre giorni fa Trump ha dato il via libera a un attacco missilistico americano, con il supporto di Francia e Gran Bretagna, contro i siti di Homs e Barzah, in cui secondo “fonti occidentali” sarebbero stoccate armi chimiche – Barzah fu già ispezionato dall’OPAC a novembre scorso, con esito negativo.

 

Questa nuova piega che ha preso la guerra in Siria è veramente drammatica dal punto di vista umanitario e ricorda da molto vicino la colossale truffa – ammessa dal suo stesso regista, Colin Powell, qualche anno più tardi – che portò all’invasione del’Iraq nel 2003.

 

Eppure un aspetto positivo c’era: l’Italia sembrava, almeno per questa volta, essersi defilata. Purtroppo non era e non è così. Lo conferma l’appoggio logistico fornito dalle basi NATO in Italia, prima fra tutte quella di Niscemi, casa del famigerato MUOS, tanto contestato da parte delle comunità locali quanto utile alla marina militare americana.

 

Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la dichiarazione del Presidente del Consiglio Gentiloni rilasciata ieri nel corso di una seduta alla Camera. “L’Italia è da sempre un coerente alleato dell’America, chiunque sia a governarla. È una scelta di campo. E non dipende solo dal fatto che gli americani ci liberarono del nazifascismo, ma da una difesa continua dei nostri valori”, ha detto il premier suscitando applausi a scena aperta in aula.

bombe siria

Ma quali sono questi valori? “Libertà, democrazia, i diritti, il libero commercio”. Ecco, adesso è tutto chiaro. “Nessuna stagione sovranista può portare al tramonto dell’Occidente e dei suoi valori”. Dunque, nessuna presunta dittatura può permettersi di minacciare il liberal-capitalismo, l’apertura di nuovi mercati e la conservazione di quelli esistenti, capisaldi di questo regime economico.

 

Maliziosamente, mi viene da pensare che libertà, diritti e democrazia siano asserviti all’ultimo dei valori elencati da Gentiloni. Dove sono la libertà, la democrazia e i diritti degli abitanti di Niscemi, che da anni protestano contro il MUOS, repressi e censurati? Dove sono la libertà, la democrazia e i diritti della Sardegna, dove le esercitazioni con armi non meglio identificate si accompagnano a un’inquietante incidenza di sindromi militari e tumori? Dove sono la libertà, la democrazia e i diritti delle famiglie coinvolte nella strage del Cermis, vergognosamente infangata dalle autorità americane? E l’elenco potrebbe essere ancora lungo.

 

È davvero sconfortante, in conclusione, dover ammettere a noi stessi che per l’Occidente il libero commercio rimane un valore fondamentale. Ce ne accorgiamo noi stessi, tutti i giorni, sperimentando uno stile di vita fondato sul consumo e sulla produzione sfrenati. Se ne accorgono in maniera molto più tragica i siriani, che continuano a morire massacrati da chi combatte in nome del libero mercato.

 

Vuoi cambiare la situazione di informazione e comunicazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Informazione, basta con chi è dipendente

Italia che Cambia ed Ecofuturo incontrano Caltanissetta!

Danzare con la tempesta: 12 incontri per riscoprire il piacere della conoscenza
Danzare con la tempesta: 12 incontri per riscoprire il piacere della conoscenza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita

|

Emerging Communities: scopriamo insieme i progetti virtuosi dell’Europa che cambia

|

A House is a Home: il progetto di “re-housing” per persone senza fissa dimora

|

Bice Parodi: “Ciò che gridavamo al G8 è ciò per cui dobbiamo combattere ancora oggi” – #1

|

Il Piccolo Festival della Microfinanza, perché il denaro crei ricchezza per le comunità

|

La disabilità non è un atto eroico, io racconto prima di tutto le persone