2 Lug 2018

Ecopillole di Luca Lombroso #14 – L'impatto ambientale della plastica

Scritto da: Redazione

Cosa possiamo fare per ridurre l'uso eccessivo della plastica? Ce ne parla in questa nuova pillola il meteorologo Luca Lombroso.

La plastica è una delle grandi comodità e conquiste dei nostri tempi ma l’uso eccessivo e l’errato smaltimento provocano tutta una serie di problemi ambientali. Avrete sentito parlare della famosa isola di plastica “virtuale” nell’Oceano Pacifico.

 

L’U.N.E.P. (United Nation Environment Programme) Agenzia dell’Ambiente delle Nazioni Unite stima che di questo passo senza intervenire nel 2050 nei mari ci sarà addirittura più plastica che pesce.

 

 

Cosa fare e come ridurre l’impatto della plastica? Anzitutto riducendo il consumo e l’uso dei prodotti usa e getta. Dopodiché preferendo materiali riciclabili, compostabili e biodegradabili. Infine naturalmente facendo diligentemente bene la raccolta differenziata. Insomma possiamo agire per ridurre l’impatto della plastica attraverso la cosiddetta Economia Circolare che deve sempre più prendere la prevalenza sull’economia lineare.

 

Siamo qui a Ecovillaggio Montale dove la riduzione dell’uso della plastica si concretizza a partire dalla costruzione di questi edifici ecosostenibili utilizzando materiali di origine naturale e riciclata che riducono così la necessità di materiali di provenienza petrolifera e di plastica.

 

 

Tratto da Ecovillaggio Montale 

 

Articoli simili
Imballaggi in plastica: ecco le foto dei più assurdi!

Plastic Radar: ecco come segnalare con Whatsapp la plastica in mare

Le Bag Ladies trasformano i sacchetti di plastica in letti per i senzatetto

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità

|

Lo Yoga della Risata, la miglior medicina per rinforzare il sistema immunitario

|

Al via la Settimana Europea della Mobilità: muoversi meglio per un mondo migliore

|

Il Giglio: dalle rovine di un antico palazzo nasce il laboratorio comunitario

|

Bimbisvegli: la scuola pubblica non vuole il progetto di educazione consapevole in natura

|

Uno spazio dedicato ai bambini migranti in transito, per farli sentire sicuri e accolti

|

A vent’anni si può cambiare il mondo! Ecco la sfida di Gen C