Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
2 Lug 2018

Ecopillole di Luca Lombroso #14 – L'impatto ambientale della plastica

Scritto da: Redazione

Cosa possiamo fare per ridurre l’uso eccessivo della plastica? Ce ne parla in questa nuova pillola il meteorologo Luca Lombroso.

La plastica è una delle grandi comodità e conquiste dei nostri tempi ma l’uso eccessivo e l’errato smaltimento provocano tutta una serie di problemi ambientali. Avrete sentito parlare della famosa isola di plastica “virtuale” nell’Oceano Pacifico.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'ambiente in italia?

ATTIVATI

L’U.N.E.P. (United Nation Environment Programme) Agenzia dell’Ambiente delle Nazioni Unite stima che di questo passo senza intervenire nel 2050 nei mari ci sarà addirittura più plastica che pesce.

 

 

Cosa fare e come ridurre l’impatto della plastica? Anzitutto riducendo il consumo e l’uso dei prodotti usa e getta. Dopodiché preferendo materiali riciclabili, compostabili e biodegradabili. Infine naturalmente facendo diligentemente bene la raccolta differenziata. Insomma possiamo agire per ridurre l’impatto della plastica attraverso la cosiddetta Economia Circolare che deve sempre più prendere la prevalenza sull’economia lineare.

 

Siamo qui a Ecovillaggio Montale dove la riduzione dell’uso della plastica si concretizza a partire dalla costruzione di questi edifici ecosostenibili utilizzando materiali di origine naturale e riciclata che riducono così la necessità di materiali di provenienza petrolifera e di plastica.

 

 

Tratto da Ecovillaggio Montale 

 

#IoNonMiRassegno 20/1/2020

|

Arte e cultura, una rete di buone pratiche contro la criminalità organizzata

|

Adottare a distanza coltivatori per salvare antiche tradizioni e vecchi borghi

|

Gli allenatori di Laureus: “Lo sport educa alla passione”

|

Tamera, l’ecovillaggio in Portogallo che sperimenta una Terra Nova

|

Assicurazione etica: la proposta di CAES rivolta agli under 35

|

La Scuola italiana di Arte del Processo e Democrazia Profonda

|

Borgopo’: “Così ho fatto rinascere la libreria che amavo da bambina”

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.